Caricando...
Vai indietro
  • Tuo carrello 0 prodotti
  • Totale prodotti € 0,00
  • Costi di spedizione € 0,00
  • Totale € 0,00
Vai alla sezione

L'orto come terapia

Negli ultimi anni la proliferazione di piccoli orti biologici in edifici delle grandi città, obbedisce alla necessità di molti abitanti delle città di ritrovare il contatto con la natura e con i processi di base della produzione alimentare. Ma giardini urbani sono anche una via di fuga dallo stress generato da uno stile di vita incentrato sul raggiungimento di risultati in modo rapido.

Analogamente, i benefici di giardinaggio come terapia possono essere estesi a gruppi che hanno certa difficoltà di funzionamento e integrati nella società in misura maggiore o minore.

Tale è il caso delle persone anziane, disabili o persone a rischio di esclusione sociale, per le quali il lavoro nel giardino è uno strumento per migliorare sia il loro stato fisico che mentale.

Proprio per questo motivo, la stragrande maggioranza dei giardini urbani lanciati da istituzioni comunali sono destinati a tali gruppi.


Terza etá

Oggi, in città c'è una grande percentuale di persone che sono cresciute in un ambiente rurale, che sono poi emigrate e che hanno realizzato la loro vita lavorativa in un'area urbana e industriale. Queste persone che hanno piú di 65 anni sono ora in pensione, e hanno un interesse ed esperienza in orticoltura dal loro passato, oltre al tempo, che mal gestito può portare a una vita sedentaria e un deterioramento della loro salute e la qualità della vita.

navidad con los abuelos

L'avvio di un orto, sia che sia in centri collettivi sociali o residenziali o individuali, può avere un effetto molto positivo sulla loro vita quotidiana, tanto che puó rappresentare:

  • Responsabilità, che obbliga acquisire certe abitudini che coinvolgono l'esercizio.
  • Compito creativo, che promuove il lavoro mentale e di auto-realizzazione, oltre ad essere un esercizio di memoria, ricordando le conoscenze acquisite sul campo
  • Forma di incoraggiare un' alimentación salutare.

Diversamente abili

Il giardino è una risorsa che parte della capacità della persona e mai da una carenza, adattandosi al suo livello di autonomia, capacità fisiche o il grado di deterioramento cognitivo.

Il contatto con le piante e la realizzazione di attività relative all' agricoltura, in questo caso, ha una duplice funzione.

  • Funzione Terapeutica. Stimola la mobilità, la capacità di attenzione e la volontà di migliorare. D'altra parte,favorisce le abitudini alimentari con il successivo uso di prodotti per il giardino
  • Funzione come Orientamento Lavorativo. Nei centri che sono anche impegnati l'integrazione sul posto di lavoro, si tratta di uno strumento, oltre ad acquisire conoscenze specifiche di orticoltura, promuovere la responsabilità verso il compito e favorire il lavoro autonomo.

Persone a rischio di esclusione sociale

L'esclusione sociale non conosce età, sesso o gruppo sociale. Colpisce nello stesso modi giovani e vecchi, uomini e donne, cittadini o immigrati, che per un motivo o un altro sono al di fuori delle tradizionali reti sociali (minori, tossicodipendenti, senzatetto, immigrati, donne in situazioni vulnerabili e insicurezza sociale) .

Gli obiettivi che deve prefissarsi il lavoro in un orto con questi gruppi sono:

  • Recupero dell' autostima, dal momento che questi gruppi sociali hanno bassa opinione di sé stessi a causa del rifiuto sociale di cui sono vittime
  • Migliora le relazioni sociali, dal momento che lavorare in un orto, in uno spazio aperto, favorisce tra i suoi utenti, nel caso sia un giardino collettivo, la comunicazione e la condivisione di esperienze personali
  • Inserimento lavorativo per ricevere una formazione specifica.

Ciascuno dei gruppi per i quali il giardino può essere un compito positivo per il loro sviluppo personale, come si può vedere ha caratteristiche ed esigenze molto specifiche.

Tuttavia, l'orto può essere adattato a lavorare con ciascuno di questi gruppi. Hai solo bisogno di conoscere le opzioni disponibili (tavoli di coltivazione domestici per lavorare da sedia a rotelle, letti rialzati per evitare di sforzare la schiena, le colture piú facile da usare, gli strumenti adeguati, etc..) e avere po 'di fantasia per beneficiare dei frutti del giardino noi e quelli che intorno a noi.

Altri articoli interessanti

Spaghetti crudi-vegani di zucchine e avocado

lunedì 7 novembre 2016

­­Oggi vi presento degli spaghetti facili, rapidi da preparare e molto saporiti che non hanno nulla da invidiare agli spaghetti tradizionali. La differenza è che questi sono crudi-vegani e dovremo cucinare molto poco, infatti bisognerà solo...

Scopri il nostro catalogo