Caricando...
Vai indietro
  • Tuo carrello 0 prodotti
  • Totale prodotti € 0,00
  • Costi di spedizione € 0,00
  • Totale € 0,00
Vai alla sezione

Il rinvaso del bonsai

L'operazione di  rinvasatura è vitale per un albero che vive in un vaso. Con il passare del tempo la terra che contiene si va degradando per l'azione dell' acqua, i concimi  e la pressione dei terreni, trasformandosi  in una pasta che impedisce la circolazione dell' aria e trattiene eccessivamente l'umidità, che opprime i terreni  causando la morte dell' albero. E`la causa principale della perdita di un bonsai.

Con ogni rinvasatura otteniamo che una rivitalizzazione dell' albero, permettendole una grande crecit. Per questo, lo rinvaseremo ogni 1 o 2 años, utilizando una terra di grano grosso. Se abbiamo es un albero già formato che necessita solamente di  manutenzione, ritarderemo l'invasatura. La effettueremo ogni  3 o 4 anni e utilizzeremo terra di grano fino.

Periodo 

Il momento migliore  per l'invasatura  é quando l'albero inizia a germogliare dopo il periodo di letargo invernale. Possiamo effettuarlo anche dopo la defoliazione.

Expondrán en UNICACH arte bonsai y suiseki

La Tecnica 

Tiriamo l'albero dal vaso e osserveremo il tipo di terra. Se si tratta di uno strato di tipo granulato e la radice é troppo umida sará abbastanza difficile l'operazione, per tanto lo lascieremo seccare per evitare danni alle radici, cosi la terra si staccherá con più facilità. Se lo strato  è molto argilloso lo lasciamo immerso in  acqua 24 ore con lo scopo  di ammorbidirlo e potendolo staccare con un gettito d'acqua.

È molto importante eliminare la terra vecchia dal centro della radice, perchè generalmente useremo  un altro  tipo di strato e le radici durante la crescita  incontreranno 2 misure differenti, con diferenti livelli di umidità e rtrattenimento di umidità, e le sará molto difficile vivere con questa diversità di condizioni.

Se lo strato che utilizziamo è lo stesso di quello esistente e questo non è molto degradato possiamo rimuovere solo un terzo di tutta la radice, superiore, inferiore e laterale. Per questa operazione ci serviremo di un rastrello a 3 punte e incluso de pali di bambú affilato. Sistemiamo le radici, facendolo nella direzione del tronco.

Una volta sistemate le radici, cercheremo di equilibrare la sua crescita, potando maggiormente le grasse e meno quelle fini (come si effettua con i rami). Approfitteremo di questo momento per eliminare radici morte o danneggiate e correggere la direzione delle radici orientate male. Elimineremo  le radici che crescono dal fondo verso il basso, favorendo quelle che si sviluppano lateralmente. Questo è un momento molto importante per la formazione del NEBARI (collo della radice), dato che ne abbiamo l'occasione di farlo solo alcuni anni.

Durante questa operazione dobbiamo evitare che si secchino le radici a contatto con l' aria,, per il quale possiamo uilizzare un nebulizzatore con acqua. Un'altra cosa importante è tener già preparato  lo strato e il vaso che utilizzeremo.

Poichè con ogni rinvasatura ritagliamo le radici, possiamo utilizzare sempre la stessa dimensione del vaso, o anche uno di misura inferiore (non nel caso stiamo coltivando un albero que desideriamo cresca, per il quale metteremo uno di dimensioni superiori, non tagliando le radici).

Prepareremo il vaso ponendo una griglia di immissione oltre i fori di drenaggio, tenendola ferma con un filo a gancio. Questo è per  evitare di perdere la terra dai fori  tenendo un drenaggio adeguato . Inoltre prepareremo dei fili metallici  passandoli per gli stessi fori (salvo che il vaso è già provvisto) che ci permetteranno di fissare  il bonsai al vaso e che facilitano il radicamento evitando movimenti (vento) che potrebbero rompere le nuove e fragili radici.

Nel fondo del vaso metteremo uno strato di drenaggio costituito da grano grosso de ghiaia vulcanica o della stessa miscela. Successivamente faremo  un tumulo con lo strato già preparato. Collocheremo l'albero sopra il tumulo, con leggeri movimenti faremo si che la terra rimanga bene in contatto con le radici. Sceglieremo molto bene la posizione della piantagione perchè una volta stabilita  non possiamo rifare l'operazione per almeno 2 anni. Legheremo l'albero che abbiamo preparato con i fili e termineremo  riempendolo di terra.

Dovremo schiacciare la terra   con un palo de bambú affilato, in modo da  evitare che rimangano sacche d'aria tra le radici, se no lo facciamo, innaffiando rimarrà lo stesso livello essendoci sacche d'aria tra le radici.

Una volta terminata l' operazione di rinvasatura dobbiamo annaffiare bene  a fondo con una pioggia di fori sottili fino a quando vediamo acqua chiara dai fori di scarico. Collocheremo l'albero in un luogo coperto un paio de settimane prima di porlo nel posto prestabilito. Ci renderemo conto che la terra tarda a seccarsi, perchè non ci sarà l'evaporazione per le foglie ne l'assorbimento da parte delle radici. Nel momento in cui l'albero inizia a germogliare le sue necessità di acqua aumenteranno.

Bonsai

Osservazioni

La struttura di una radice è anulare, diverso da un ramo, implicando che lo strumento adatto per la potatura è  differente,si chiama  NEKIRI (root rasaerba) ed  esistono di diverse dimensioni, 180 e 210 mm, a seconda dello spessore della radice da tagliare. Quando si tratta di  radici piccole possiamo usare forbici da potatura dispessore (Sentei BASAMI). Cerchiamo di non usare lo stesso strumento per potare rami,  perchè durante la potatura delle  adici possiamo trovare una pietra che scalfisce il filo.

In Planeta Huerto incontrerai tutto il necessario per la cura e l'utilizzo del bonsai, andate avanti  voi stessi per ottenere un bel bonsai!

Altri articoli interessanti

Idee per un regalo: un' opera d'arte in casa

mercoledì 31 agosto 2016

Chi non ha mai considerato l'idea di avere un bonsai in casa? Una pianta alla quale puoi trasmettere tutta la personalità  plasmando il suo tronco, rami e foglie affinchè si trasformi in una forma di espressione della creativitá differente...

Tecnica di lavorazione: dai forma al tuo bonsai

venerdì 19 agosto 2016

Un bonsai è un piccolo albero che vive in un vaso. L'effetto che può trasmetterci varia in funzione della forma che possiede; e questa forma dipenderá dalla tecnica di lavorazione. Le tecniche applicate per dare forma al nostro bonsai sono la...

Che cos'è il Feng Shui

giovedì 31 marzo 2016

Il Feng Shui è un arte millenaria che intenta utilizzare gli elementi che abbiamo a nostra disposizione per far sí che le energie del pianeta ci siano piú favorevoli.La parola Feng significa vento e Shui acqua. La frase vento e...

Scopri il nostro catalogo