Caricando...
Vai indietro
  • Tuo carrello 0 prodotti
  • Totale prodotti € 0,00
  • Costi di spedizione € 0,00
  • Totale € 0,00
Vai alla sezione

Guida alla coltivazione del Pomodoro

Guida alla coltivazione del Pomodoro

Il Pomodoro è una bella e complessa pianta appartenente alla famiglia delle Solanaceae, e anche se attualmente viene coltivato in tutto il mondo, è originaria del continente americano.

È molto apprezzata dal settore alimentare per i suoi frutti (bacche plurisperme), carnosi e rossi, che noi chiamiamo pomodoro, e usiamo quotidianamente sia crudi che trattati in vari modi.

Circa la sua coltivazione, è importante notare che è un vegetale con una  cultura molto complessa, con requisiti vitali e esigenze nutrizionali specifici. Necessita di annaffiature abbondanti e luce diretta del sole.

Potremmo dire che non è la migliore coltura per entrare nel mondo della coltivazione dell'orto. Tuttavia di seguito ti elenchiamo i passi fondamentali per la sua coltivazione e gli aspetti principali di cui tener conto:

  • Semina: Nelle regioni a clima mite si deve seminare a marzo, nei climi piú freddi ad aprile. È raccomandabile seminare in un semenzaio, coprendo ogni seme approssimativamente con mezzo centimetro di terra. Successivamente, irrigare con cura per non muovere eccessivamente la terra, e mantenerla umida fino alla comparsa dei primi germogli.
  • Trapianto: Quando vediamo che le piante sono più o meno sviluppate (con almeno 4 foglie), potremo trapiantarle nel nostro giardino, sia per terra libera come in casse o tavoli da coltivazione. Questa parte è delicata, e per non danneggiare le piante dovremo prenderle dalla parte del gambo piú vicina alla terra, e rimuoverla con decisione ma delicatamente. La seppelliremo di nuovo nella  nuova ubicazione, coprendo con la terra il gambo fino a dove cominciano le prime foglie. Annaffieremo abbondantemente e con regolarità.
  • Installazione di tutori: I tutori sono bastoncini (è possibile utilizzare, ad esempio, piccole canne) di circa un metro e mezzo di altezza e  che vengono installati accanto a ciascuna pianta. Circa 15 o 20 giorni dopo il trapianto, si metterà ad ogni pomodoro il suo tutore, sempre sotto ogni ramo floreale. Questa procedura è necessaria in tutti i casi, poiché il pomodoro può crescere fino a oltre due metri, senza un tutore che sostiene il suo peso, non potrà crescere correttamente e pertanto non frutterà buoni pomodori.
  • Potatura: Dovrebbe aver luogo tra maggio e luglio, tagliando sempre sopra i rami floreali. È importante sottolineare che non sarà necessario potare le varietà di dimensioni definite, cioè quelli con crescita limitata.
  • Raccolta: Di solito è effettuata da luglio ad agosto, a seconda del grado di maturazione dei pomodori, che è di semplice valutazione, per colore e consistenza.

*Per saperne di piú sulla coltivazione del pomodoro, leggi l'articolo "Il pomodoro, una colviazione complessa" pubblicata sulla rivista di Planeta Huerto.

Dopo aver esaminato i principali aspetti della coltivazione e alla cura del pomodoro, elencheremo alcune delle malattie e parassiti che possono presentarsi:

  • Per quanto riguarda gli insetti, i più importanti sono le mosche bianche, afidi e tuta, il cui sintomo principale sarebbe identificabile nell'indebolimento generale della pianta e la caduta dei fiori.

  • Malattie fungine: sono facilmente distinguibili perché i sintomi appaiono solito forma di macchie biancastre, grigie o nerastre (di aspetto ammuffito) e marciume. Ci sono funghi che frequentemente affliggono il pomodoro, come:

    • Muffa del pomodoro (macchie bianche sulla parte inferiore delle foglie).

    • La cenere o oidio del pomodoro (macchie gialle sulla superficie delle foglie e biancastra sulla parte inferiore).

    • Antracnosi del pomodoro (provoca macchie sulla frutta, prima rossastro e poi nero).

  • Inoltre il pomodoro puó essere affetto da malattie virali, le piú frequenti causate da:

    • Il virus del mosaico del pomodoro (mosaico di macchie di colori diversi, tonalità verde sulle foglie e rosso sul frutto)

    • Virus bronzatura del pomodoro (moderato decolorazione delle foglie, e molto evidente dei frutti).

  • Per quanto riguarda le malattie batteriche potremmo indicare il cancro del pomodoro e la crosta batterica. Malattie batteriche sono di solito riconoscibili dalla comparsa di pustole su steli e frutti, e la formazione di macchie necrotiche nei frutti.

Le linee guida di cui sopra sono da intendersi come una guida di base per aiutarvi nella coltivazione del pomodoro, ma occorre tenere a mente che il miglior insegnante è la natura stessa, e l'esperienza si guadagna da soli. A continuazione avete a vostra disposizione tutti i nostri articoli di riviste che possono aiutarvi con questa complessa coltura.

 Buona fortuna!



Maggiori informazioni sulla coltivazione del Pomodoro

Il Pomodoro aiuta a ridurre il colesterolo

Uno studio condotto presso l'Università di Adelaide (Australia) sottolinea le importanti proprietà del licopene (una sostanza che dà il colore rosso ai pomodori) come antiossidante naturale, riducendo in modo molto significativo i valori di...

Più letti

Il pomodoro: una coltura complessa

La coltura di pomodori, appartenente alla famiglia delle Solanacee (peperoni, melanzane, patate) è forse la più popolare nel giardino urbano per il suo ampio consumo (20 kg per persona all'anno). Tuttavia per la sua difficoltà,...

Più letti

Il pomodoro e le sue varietá

Il pomodoro é una pianta di riferimento nella maggior parte degli orti, é uno standard di coltivazione per eccellenza. Il suo frutto é uno dei piú popolari e frequenti nelle cucine, non a caso, Il suo sapore, la versatilitá e il valore...

Più letti

Scopri il nostro catalogo