Caricando...
Vai indietro
  • Tuo carrello 0 prodotti
  • Totale prodotti € 0,00
  • Costi di spedizione € 0,00
  • Totale € 0,00
Vai alla sezione

Come coltivare i cardi nel nostro orto

Il cardo è una pianta perenne, appartenente alla famiglia delle Compositae e parente dei carciofi. Ha spine gialle sulle foglie e può raggiungere il metro e mezzo di altezza. Ció che potremo consumare di questa pianta sono le foglie dei gambi.

Semina

Per la crescita del cardo é necessario il sole o la penombra, dal momento che essa non tollera il gelo e preferisce un clima temperato. Di contro quando il tempo è troppo caldo si può acquisire un sapore molto amaro.

Per quanto riguarda i terreni, si consiglia un terreno lavorato prima della semina che sia profondo, sciolto e ben drenato.

Si coltiva in primavera, ponendo i semi a 1 o 2 cm di profonditá e lasciando circa 50-80 cm tra le piante. È anche possibile fare ció in inverno sempre che sia al chiuso.

Irrigazione

Bisogna mantenere il terreno particolarmente umido durante la fase di semina. E 'una cultura che sostiene la siccità estiva bene, ma si deve innaffiare regolarmente. Così, otteniamo più tenero deriva.

Vendemmia

Per consentire un buon raccolto dobbiamo sbiancare i gambi delle foglie: 20 giorni prima di raccoglierle, copri le foglie (tranne le parti esterne) con un materiale come la paglia e la carta, o con la terra. Con questo ci impedisce al sole di raggiungere le foglie e fa in modo che rimangano più bianche.

La raccolta avviene a partire dai quattro mesi. Cioè, a fine estate, o al piú tardi in autunno / inverno, a seconda che la varietà sia stata seminata prima o piú tardi.

Parassiti e Malattie

  • Verme nero: è un bruco attivo durante la notte. Si nutre di foglie. Per combatterlo si utilizza l'insetticida  ecologico Bacillus thuringiensis.
  • Afide: di solito si verifica se si abusa dell' irrigazione o dell'azoto. Se appaiono, ricorreremo al sapon di potassio o ai repellenti ottenuti dall'estratto di aglio. In questo articolo spieghiamo come combattere gli afidi. 

  • Muffa: è una malattia causata da un fungo. Si presenta come macchie marroni o polvere. La procedura di controllo è quello di rimuovere le parti interessate, fornire buona aerazione e l'uso di un fungo protettivo, Trichoderma harzianum. In questo articolo vi diciamo quali sono i rimedi per la muffa.

Usi del cardo

Questo ortaggio è ricco d'acqua: l'ideale quindi per le diete. E 'utile anche per le persone con malattie del fegato (aumentando la quantità di bile), cistifellea, e disturbi digestivi.

Il cardo di solito si mangia bollito, alla romana o con besciamella. Per rimuovere il sapore amaro è necessario rimuovere le parti dure del gambo fino a quando vediamo la zona verde e bianca. In modo che non si ossidi aggiungeremo limone.

Associazioni

Il cardo cresce normalmente isolato a causa della sua grande dimensione. Se vogliamo sfruttare al meglio il campo ed i benefici delle associazioni con altre piante, si puó piantare con i fagioli. Queste verdure  forniscono azoto al terreno e aiutano il buon sviluppo dei cardi.

Semi di cardo di Planeta Huerto

Altri articoli interessanti

Come coltivare gli asparagi nel nostro orto

mercoledì 20 aprile 2016

Oggi vi raccontiamo come coltivare gli asparagi, un vegetale che proviene dalla famiglia delle gigliacee. Quello che mangiamo si chiama turione ed é un tenero germoglio che cresce negli asparagi. I turioni possono essere verdi (con un sapore piú...

Come creare un orto in casa

mercoledì 21 ottobre 2015

Vi lasciamo un originale e interessante infografica, che abbiamo preparato, su come creare un orto in casa. Spiega in modo riassunto gli elementi essenziali di cui abbiamo bisogno per seminare i nostri ortaggi, così come alcune semplici...

Come coltivare i fagioli extra precoci nel tuo giardino

mercoledì 27 luglio 2016

Se vogliamo i fagioli ,e li vogliamo presto, o quasi presto, una delle migliori opzioni é quella di coltivarli tra varietá Luna di agosto, i cui frutti, molto dolci e teneri, possono essere pronti per essere consumati a partire da 90 giorni dopo...

Cos'è il compostaggio

mercoledì 21 settembre 2016

Se cerchiamo la parola compostaggio nel dizionario agronomico, lo definiremmo  come un sistema di trattamento-stabilizzazione di residui organici, basato su una attività microbiologica completa, effettuata in condizioni equilibrate...

Scopri il nostro catalogo