Caricando...
Tornare
  • Tuo carrello 0 prodotti
  • Totale prodotti € 0,00
  • Costi di spedizione € 0,00
  • Totale € 0,00
Vai alla sezione

Come coltivare i cavoli rapa nel nostro orto

ll Cavolo rapa è una radice di sapore dolce (e talvolta con un tocco di spezie), che proviene dalla famiglia delle crucifere, una miscela di cavoli e rape. 

Si raccomanda di farlo consumare a persone con problemi cardiovascolari, a causa della suo basso contenuto di sodio e di un alto livello di potassio, magnesio e fosforo. È anche diuretico, e ha un sacco di fibre.

Semina ed irrigazione

Questa colttivazione viene seminata tra la primavera e l'estate per essere consumata in autunno, o in primavera per il consumo estativo. Il terreno ha bisogno di questa pianta che non necessita di alcuna preparazione speciale, basta sia priva di erbacce, ben concimata, e sempre umida.

I semi devono essere disposti a 13 mm di profondità, sono molto resistenti e in grado di sopportare il freddo per tutto l'inverno senza alcuna protezione.

Raccolta

Il Cavolo rapa impiega circa due mesi di tempo per maturare. Quando lo stelo si gonfia a tal punto di apparire come una palla da tennis, è il momento di raccoglierlo. Non è consigliabile lasciarlo crescere dal momento che non sarebbe più commestibile.

Questo ortaggio si mantiene tre mesi se conservato in un luogo fresco e umido, ma si può congelare per durare più a lungo.

Malattie ed insetti

  • La mosca del cavolo : per evitare che questa giunga alle piante, il pezzo di terra può essere coperto con un foglio di tessuto bianco, si possono utilizzare degli insetticidi ed applicare la rotazione delle coltivazioni.

  • Il Falso bruco della rapa : si attorciglia nel cadere a terra, divorando le foglie. Di solito appare nei mesi di settembre ed ottobre. Per combatterlo è meglio applicare degli insetticidi. Vi lasciamo qui di seguito un articolo su come combattere i bruchi più comuni in orto.

  • Oidio (Erysiphe): se questo fungo si presenta con un velo bianchiccio , devi potare o cambiare di posto dell' intera pianta. Si raccomanda inoltre di aggiungere uno di questi prodotti: lo zolfo, la coda di cavallo, l'aglio o la propoli. Vi riportiamo il link dell'articolo che parla dei rimedi per l'oidio.

  • L' Alternaria brassicicola:è un altro fungo che appare con l'umidità, e lo fa in forma di macchie marroni che escono sulle foglie. Tra i possibili trattamenti si consiglia di usare la propoli.


Usi del cavolo rapa

Si può grattugiare e mettere nell' insalata, lessarlo per la minestra, soffrigerlo con le spezie, o gratinarlo con il parmigiano. Anche le foglie sono commestibili.

Semi del cavolo rapa a Planeta Huerto

Associazione delle coltivazioni

Ora se vuoi servirti dello stesso terreno per combinare altre coltivazioni , queste sono le raccomandanzioni da tener presente per seminare:

Altre buone miscele sono: lattuga e simili, fagiolini, pomodori, porro e spinaci


Altri articoli interessanti

Zucchine: una coltura prolifica

giovedì 4 agosto 2016

Se avete già provato a coltivare le zucchine, della famiglia delle cucurbitacee (cetriolo, melone, anguria), e il raccolto non è stato produttivo nonostante la sua reputazione, è perché non avete preso in considerazione alcune...

Associazioni di coltivazioni negli orti urbani

mercoledì 13 luglio 2016

Il piu grande orgoglio di ogni coltivazione in formato piccolo è diventare un giorno un orto biointensivo in cui è possibile coltivare tutti gli alimenti di una dieta completa in uno spazio molto ridotto. Questa utopia può...

Come migliorare il mio terriccio?

mercoledì 13 febbraio 2013

Il suolo è il mezzo fondamentale determina il successo o meno della nostra coltura. Oltre ad essere di supporto infatti, il terreno trattiene l'acqua, l'ossigeno e le sostanze minerali proporzionate alla crescita adeguata. Spesso le condizioni del...

La coltivazione delle fave

venerdì 15 aprile 2016

La fava apartiene alla famiglia dei legumi. Per quanto riguarda la coltivazione, ne esistono due tipi: le fave tenere di cespuglio basso, con steli eretti che non necessitano de tutorato; e quelle di cespuglio alto o enrame, che invece...

Scopri il nostro catalogo