Caricando...
Vai indietro
  • Tuo carrello 0 prodotti
  • Totale prodotti € 0,00
  • Costi di spedizione € 0,00
  • Totale € 0,00
Vai alla sezione

Come coltivare il Basilico

Il basilico è famoso per essere usato per fare il pesto italiano, anche se è originario dell'India e della Persia. Questa pianta aromatica è facile da coltivare, veloce e ha bisogno di poche cure.

I requisiti per coltivarlo

Fertilizzante:

È necessario fertilizzare il terreno prima di piantare, senza abusarne per non compromettere il gusto delle foglie

Irrigazione:

Deve essere abbondante senza inondare la terra. É una pianta che si disidrata facilmente soprattutto nella stagione calda, per questo faremo frequenti irrigazioni in piccole quantità, perché se inondiamo il terreno, la pianta annegherá.

Suolo :

Preferisce umido, ricco e ben drenato.

Clima:

Caldo perché é sensibile alle gelate.

Come coltivarlo

La coltivazione del basilico è facile e poco problematica. Di solito viene fatta in vaso, dal momento che è il condimento perfetto per il cibo, per questo motivo la terra dovrebbe essere ricco di humus, ha bisogno di sole diretto e va protetta dal vento e dal freddo di giorno e di notte. La dimensione del vaso dovrebbe essere di almeno 10 cm di profonditá,  10 cm in lunghezza e 10 cm in altezza.

Semina:

É necessario realizzare un focolaio. Si seminano i semi a poca profonditá e si ricoprono con un sottile strato di suolo. È importante mantenere le piantine in ombra e con una umidità costante finché non arriva il momento di germinare (10-15 giorni). In seguito, irrigheremo normalmente e posizionaremo i i seme al sole.

Semineremo nel letto di semina da febbraio a marzo in zone calde e da aprile in temperato e freddo

Trapianto:

Il trapianto all'aperto di solito viene eseguito da 1,5 a 2 mesi dopo la semina, lasciando uno spazio tra 25 a 40 cm in tutte le direzioni tra le piante.

Raccolta:

Dai 40 giorni dal trapianto taglieremo le estremità dei loro gambi (10-20 cm di lunghezza) prima della fioritura e sempre sopra la gemma in modo che possa continuare a vegetare, ma non perdendo sapore le loro.

Se si vuole raccogliere per uso culinario, si dovrebbe mangiare fresco o cucinato di recente poiché perde il suo sapore in fretta. Analogamente per farlo seccare, si devono raccogliere le foglie tenere dopo la fioritura cosí che mantangano i loro oli aromatici.

Le associazioni piú favorevoli

Il suo aroma puó essere usato come repellente di diversi insetti comuni come afidi, mosche e zanzare, quindi è utile associarlo con aglio, melanzane, cetrioli, peperoni e pomodoro.

Parassiti e malattie frequenti

  • Trips. Rimedio: applicazione combinata di estratto di neem e sapone di potassio..
  • Mosca bianca. Rimedio: spruzzare inferiore delle foglie con sapone di potassio 1% con acqua piovana o distillata.
  • Posamine. Rimedio: Applicazione di estratto di neem per combattere gli adulti e le larve Bacillus thuringiensis contro la produzione di gallerie nelle foglie.
  • Funghi. (Pytiuhm, Phytoptora): Rimedio: Rimuovere le zone colpite, usate come la prevenzione decotto di equiseto.

Varietá di Basilico in Planeta Huerto

Tra i diversi tipi di basilico, quelle a  foglia grande sono più adatte per l'uso in cucina, mentre quelle a foglia piccola non possono mancare nell'orto come repellente naturale

Se sei curioso di coltivare il basilico, non perdere l'occasione di fare il tuo proprio pesto. Qui ti lasciamo la ricetta:

  • Trita 3 rametti di basilico, 4 spicchi di aglio e 7 noci
  • Lasciare a macerare 1 litro di olio di oliva per una settimana.

Altri articoli interessanti

Come trattare gli insetti e le malattie

giovedì 14 luglio 2016

Un orto urbano a casa ha senso solamente se lo sviluppiamo in modo ecologico. Come già detto in altri articoli, gli obiettivi fondamentali di tali orti devono essere la realizzazione di un'esperienza di sostenibilità, educazione...

L'orto a dicembre

lunedì 1 dicembre 2014

Se durante l'anno non trovate il tempo per fare delle "riforme" e migliorare l'orto, questo è il momento, perchè soprattutto nelle zone interne, l'arrivo di dicembre rappresenta una pausa per le verdure. Revisione di attrezzi e...

Kleingarten, Gli orti tedeschi

venerdì 25 novembre 2011

Hai sentito parlare alcune volte di “kleingarten”? La sua traduzione letterale è “giardino piccolo” e rappresenta  un movimento che ha più di 200 anni in Germania. Inizialmente nacque come uno spazio che le classi...

La lattuga: coltivazione per principianti

venerdì 29 luglio 2016

Questo ortaggio appartenente alla famiglia delle Compositae (scarola, carciofi, cardo), è ideale per chi inizia la sua carriera in questi orti urbani: Non richiede molta cura e non viene quasi mai colpita dai parassiti. Il...

Scopri il nostro catalogo