Caricando...
Vai indietro
  • Tuo carrello 0 prodotti
  • Totale prodotti € 0,00
  • Costi di spedizione € 0,00
  • Totale € 0,00
Vai alla sezione

Come coltivare le lenticchie nel nostro orto

Le lenticchie o Lens culinaris, provengono dalla famiglia delle leguminose. Sono una fonte di ferro, proteine ​​e fibre, e per questo si sono adatte per combattere anemia o durante la gravidanza.

Ci sono diverse varietà di lenticchie, ma la più nota e più consumata è le lenticchie pardina.

Quando seminiamo questa coltura, con il tempo, ci troveremo di fronte a una pianta di taglia piccola e con fiori bianchi, che può misurare fino a 50-60 cm di altezza

Semina

Tenete a mente che la lenticchia é una coltura invernale, per questo motivo si comincia a preparare il terreno in autunno per coltivare a partire dalla fine di questa stagione fino a fine inverno, sempre alla ricerca della stagione delle piogge. Il terreno più compatibile con questa coltura è uno sabbioso.

La temperatura ottimale per la crescita è compreso tra 6 e 28 C. Il terreno deve avere un pH compreso tra 5.5 a 9, che sia umido e che abbia un sacco di materia organica, e riccho di fosforo. Si consiglia di utilizzare un concime organico affinché il terreno rimanga spugnoso.

I semi si inseriscono in un buche di 2-3 cm di profondità, se sono piccoli devono essere meno profonde, e si dovranno irrigare evitando che si facciano bolle tra essi ed il terreno. Affinché la pinata fissi il proprio azoto e crei nodi forti, metti i semi a germinare un giorno prima di piantarli.

Irrigazione

Questa coltura ha bisogno di un buon drenaggio. Anche se lenticchia tollera bene la siccità, dobbiamo mantenere il terreno umido.

Parassiti e malattie

La lenticchia è una colture resistente ai parassiti, ma non è invincibile. Queste sono i parassiti più comuni:

  • Afide nero: Si nutre della linfa della pianta ed è verde. Uno dei trattamenti più efficaci per combattere l'afide è il sapone di potassio combinato con olio di neem.

  • Punteruoli: Le due speci (Bruchus del cristallino e Bruchus sinaticomis) fanno buchi nel grano. Per evitare che appaiano applica insetticidi quando i baccelli cominciano ad avere dei fori.

  • Funghi: Ci sono tre tipi di funghi che possono attaccare la coltivazione delle lenticchie. Il trattamento migliore è la prevenzione. Uno di questi è l'equiseto dei campi.

Anche se lenticchia è resistente alle malattie, bisogna evitare di piantare sullo stesso terreno come misura preventiva: soia, girasole, barbabietola da zucchero o patate.

Vendemmia

Le lenticchie si raccolgono in tarda primavera o in estate. Quando il colore della lenticchie è verso il giallo tostato, l'impianto viene tagliato (c'è la possibilità di mettere le cialde in un telo e passo sopra romperli). Poi non resta che separare i chicchi e tenerli in un luogo asciutto e ventilato.

Semi di lenticchia in Planeta Huerto

Associazione di colture

E 'importante saper ottenere il massimo dal nostro suolo e dalle nostre coltivazioni, ci sono varietà che si beneficiano tra di loro, non competono e forniscono facilitá nell'ottimizzare lo spazio. Le lenticchie possono essere associatie a:

Altre combinazioni buone sono: mais, riso, cereali, zucchine, cetrioli, cocomeri, cavoli, cavolfiori, broccoli, rape, prezzemolo e cumino.

Lenticchie come germinato

Se vuoi sfruttare al meglio tutto ciò che questa pianta puó darti e per tutto l'anno, prepara germogli di lenticchie: tieni nell'acqua i semi per 10 ore, riempi d'acqua la seminatrice e poni la griglia, scola i semi e tienili coperti per due giorni. Lascia crescere i germogli per 5 giorni, tagliali e sono pronti da consumare. Se desideri conservarli, mettili in frigorifero, per un massimo di dieci giorni. Possono essere consumati con limone, avocado, nell'insalata ... a tuo gradimento.

Altri articoli interessanti

Fisiopatie, diagnostica dei professionisti

giovedì 22 settembre 2016

La prima regola di ogni giardiniere che si rispetti è che di fronte ad un problema, prima di agire, si deve indagare sulle cause. Nel caso delle malattie causate da parassiti, è relativamente facile identificare l'agente infettivo, ma la ricerca...

La coltivazione del porro

venerdì 1 aprile 2016

Il porro è una pianta della famiglia delle liliáceae, come l'aglio o la cipolla; sono facili da coltivare e poco esigenti. Non occupano molto spazio e si possono raccogliere durante un lungo periodo di tempo.La parte commestibile...

Agricoltura biologica: salutare e sostenibile

mercoledì 13 luglio 2016

Oggi tutti i prodotti che portano il nome di "verde" e, pertanto, sono accompagnati dal marchio regionale o europeo del caso, trasmettono una immagine molto buona per i consumatoriQuesta buona immagine che si assume con una certa sicurezza si...

Come coltivare i cavoli rapa nel nostro orto

venerdì 22 luglio 2016

ll Cavolo rapa è una radice di sapore dolce (e talvolta con un tocco di spezie), che proviene dalla famiglia delle crucifere, una miscela di cavoli e rape. Si raccomanda di farlo consumare a persone con problemi ...

Scopri il nostro catalogo