Caricando...
Tornare
  • Tuo carrello 0 prodotti
  • Totale prodotti € 0,00
  • Costi di spedizione € 0,00
  • Totale € 0,00
Vai alla sezione

Come combattere i parassiti della mela

La mela può essere vittima di numerosi parassiti. E’ molto importante identificare di che parassiti si trattino ed eseguire i controlli necessari preventivi. In questo caso, afide, scabbia e vari tipi di bruchi sono più dannosi per questo albero. A Planeta Huerto vi raccontiamo come far fronte a tali parassiti:

Cosa sono e come combattere le afidi?

Le afidi

I meli vengono colpiti principalmente da quattro tipi di afidi: della lana, marroni, verdi e cenere. Il trattamento che deve essere eseguito è il sapone di potassio e l’ olio di neem, o un anti-insetticida. In questo articolo potrai conoscere in dettaglio i passi per combattere le afidi.


La Carpocapsa

Si tratta di una farfalla che di solito appare nel mese di giugno, il suo bruco è rosa e si nutre di ciò che trova dentro i frutti, causando una caduta prematura o direttamente una loro putrefazione. La carpocapsa può anche infettare il pero e il cotogno. I prodotti che si applicano per combatterla sono: il Bacillus, l’olio di neem, o un concentrato antiparassitario.

I rodilegno

Il Rodilegno giallo (o falena leopardo) e il Cossus (rodilegno rosso) loggiati tra i rami degli alberi. Il trattamento è simile a quello che faremo con la carpocapsa.

 

La scabbia del melo


Appare sotto forma di macchie scure o di gradazioni squamose. Paralizza la crescita dei rami o della frutta, e fa cadere i fiori. Questo fungo viene conservato nelle foglie cadute dagli alberi. Tra i rimedi trovati contro la scabbia troviamo l’ ossicloruro di rame e l’ortica liquame.


Consigli per evitare la comparsa di parassiti

  • Fai la potatura quando ti rendi conto che c'è un ramo interessato: in tal modo previeni che l'attacco colpisca tutto l'albero.
  • Galline ed anatre si nutrono di questi insetti.
  • Quando il frutto assume la dimensione di una noce puoi utilizzare un sacchetto speciale per proteggerlo.
  • Coltiva i meli in zone temperate o fredde: non tollerano molto calore.
  • Assicurati che il terreno sia ben drenato, le radici dei meli siano molto profonde.
  • Incenerisci le foglie morte in autunno, e diffondi la cenere(molto ricca di potassio) sui piedi degli alberi.
  • In inverno, spruzza l’olio di paraffina sul tronco e sui rami.
  • Quando si taglia un ramo spalma sulla fessura un mestice cicatrizzante , in modo da prevenire iche parassiti vi entrino.


Altri articoli interessanti

La melanzana: una coltura esigente

giovedì 4 agosto 2016

Non si tratta una coltura molto difficile, ma chi vuole piantare melanzane nel suo giardino, della famiglia delle Solanaceae (pomodori, patate, peperoni), deve essere consapevole del fatto che bisogna soddisfare le loro esigenze ...Si tratta di una...

Per non fare gli equilibristi, un orto biodiverso

mercoledì 6 luglio 2016

Più specie differenti si trovano nell’orto, cioè maggiore è la sua biodiversità, più questo sarà un sistema stabile e quindi soffrirà meno gli squilibri con l'ambiente circostante, che può provocare la comparsa di parassiti, ...

Come coltivare i bulbi

giovedì 4 agosto 2016

Una bulbo è una piante che svolge il suo intero ciclo di vita in unasottoterra. Il bulbo è il modo più semplice per riempire il vostro giardino con il colore e la vita, come lafioritura e la sua crescita è abbastanza rapida...

L'importanza della concimazione

giovedì 14 luglio 2016

Le piante ottengono dall’aria l’ossigeno, l’ idrogeno, il carbonio, e dal suolo e dall'acqua il loro cibo oltre ed altri elementi. Tuttavia, quando coltiviamo il terreno l’ equilibrio dello stesso si altera, poiché la...

Scopri il nostro catalogo