Caricando...
Vai indietro
  • Tuo carrello 0 prodotti
  • Totale prodotti € 0,00
  • Costi di spedizione € 0,00
  • Totale € 0,00
Vai alla sezione

Come combattere i parassiti della mela

La mela può essere vittima di numerosi parassiti. E’ molto importante identificare di che parassiti si trattino ed eseguire i controlli necessari preventivi. In questo caso, afide, scabbia e vari tipi di bruchi sono più dannosi per questo albero. A Planeta Huerto vi raccontiamo come far fronte a tali parassiti:

Cosa sono e come combattere le afidi?

Le afidi

I meli vengono colpiti principalmente da quattro tipi di afidi: della lana, marroni, verdi e cenere. Il trattamento che deve essere eseguito è il sapone di potassio e l’ olio di neem, o un anti-insetticida. In questo articolo potrai conoscere in dettaglio i passi per combattere le afidi.


La Carpocapsa

Si tratta di una farfalla che di solito appare nel mese di giugno, il suo bruco è rosa e si nutre di ciò che trova dentro i frutti, causando una caduta prematura o direttamente una loro putrefazione. La carpocapsa può anche infettare il pero e il cotogno. I prodotti che si applicano per combatterla sono: il Bacillus, l’olio di neem, o un concentrato antiparassitario.

I rodilegno

Il Rodilegno giallo (o falena leopardo) e il Cossus (rodilegno rosso) loggiati tra i rami degli alberi. Il trattamento è simile a quello che faremo con la carpocapsa.

 

La scabbia del melo


Appare sotto forma di macchie scure o di gradazioni squamose. Paralizza la crescita dei rami o della frutta, e fa cadere i fiori. Questo fungo viene conservato nelle foglie cadute dagli alberi. Tra i rimedi trovati contro la scabbia troviamo l’ ossicloruro di rame e l’ortica liquame.


Consigli per evitare la comparsa di parassiti

  • Fai la potatura quando ti rendi conto che c'è un ramo interessato: in tal modo previeni che l'attacco colpisca tutto l'albero.
  • Galline ed anatre si nutrono di questi insetti.
  • Quando il frutto assume la dimensione di una noce puoi utilizzare un sacchetto speciale per proteggerlo.
  • Coltiva i meli in zone temperate o fredde: non tollerano molto calore.
  • Assicurati che il terreno sia ben drenato, le radici dei meli siano molto profonde.
  • Incenerisci le foglie morte in autunno, e diffondi la cenere(molto ricca di potassio) sui piedi degli alberi.
  • In inverno, spruzza l’olio di paraffina sul tronco e sui rami.
  • Quando si taglia un ramo spalma sulla fessura un mestice cicatrizzante , in modo da prevenire iche parassiti vi entrino.


Altri articoli interessanti

Come annaffiare adeguatamente le vostre coltivazioni

giovedì 2 giugno 2016

Nell' ultimo articolo riguardo i fertilizzanti già vi ho accennato che ci sono alcuni temi in cui costa un po' coglierne le tecniche, e l'irrigazione non si ferma indietro. Sarebbe ideale poter consigliare una dose miracolosa, come quando il ...

L'orto a ottobre

venerdì 2 ottobre 2015

Durante il mese di ottobre le temperature favorevoli ci consentono di godere del lavoro del nostro orto senza doversi nascondere dal sole. Ciò nonostante, l'inizio dell'autunno è segnato dai primi freddi e piogge copiose, e anche se quest'anno...

L'orto a febbraio

domenica 1 febbraio 2015

Poco a poco le giornate si allungano e i mandorli escono dal letargo. Però non dobbiamo fidarci, perché durante il mese di febbraio sono frequenti i temporali e i freddi improvvisi, per cui dobbiamo assicurarci che questo ultimo freddo non metta a...

La coltivazione del girasole

giovedì 7 aprile 2016

Il girasole è un seminativo originale in Nord America e in seguito portato in Messico e Perù. In termini generali, é una pianta con gambo destro di circa tre centimetri di spessore e alta circa due metri, le foglie alternative e...

Scopri il nostro catalogo