Caricando...
Tornare
  • Tuo carrello 0 prodotti
  • Totale prodotti € 0,00
  • Costi di spedizione € 0,00
  • Totale € 0,00
Vai alla sezione

Fisiopatie, diagnostica dei professionisti

La prima regola di ogni giardiniere che si rispetti è che di fronte ad un problema, prima di agire, si deve indagare sulle cause. Nel caso delle malattie causate da parassiti, è relativamente facile identificare l'agente infettivo, ma la ricerca è più complicata quando si tratta di una fisiopatia, una alterazione funzionale della pianta non causata da organismi viventi

La difficoltà di una corretta diagnosi, per guidarci verso il trattamento di rinforzo più appropriato o verso la correzzione di alcuni aspetti della gestione del frutteto e le possibili soluzioni, è che spesso lo stesso sintomo può essere condiviso da diverse cause.

Di seguito vi proponiamo alcune delle fisiopatie più frequenti nelle verdure coltivate.

Mancanza di irrigazione

La mancanza di acqua provoca stress idrico alla pianta e si vede da come questa marcisce. In caso di irrigazione irregolare nei periodi di siccità, gli effetti possono essere raggrinzimento del frutto, come succede con pomodori e peperoni o nei casi in cui si verifichino aborti floreali in cui cadono i fiori prima della fruttificazione.

agrietamiento del tomateabortos florales

Eccesso di irrigazione

Se l'acqua occupa stabilmente gli spazi tra le particelle di terreno spostando l'aria, la pianta subirà un'asfissia alle radici. Non disponendo di ossigeno alle radici non si potrá produrre l'energia necessaria ad assorbire acqua e nutrienti. Come risultato, le foglie e la radice diventeranno gialle facilmente e inizieranno a putrefarsi. Sintomi che si verificano anche in assenza di fertlizzanti.

Salinitá

E’ un fattore determinante nei raccolti del terreno poiché possono causare l'insorgenza di scottature nelle estremità e nei bordi delle foglie. L'eccessiva fertilizzazione è anche identificata da questi sintomi, in entrambi i casi si consiglia un abbondante irrigazione in modo tale che l’ acqua si porti con se il sale.

Inquinamento ambientale

In un ambiente urbano la concentrazione di inquinanti in atmosfera è molto significativa e può anche influenzare la crescita delle colture. Noti sono gli effetti delle piogge acide (ossidi di zolfo e azoto disciolto nel piovana) direttamente sui microrganismi vegetali e del suolo, ma l'ozono troposferico è un elemento che può anche compromettere seriamente la crescita delle piante.

Azoto

Questo è molto importante per la crescita vegetativa delle piante e per la sintesi clorofilliana. La mancanza di azoto è la fisiopatia più comune nella coltivazione nei contenitori, che unisce un ingiallimento delle foglie, mentre un fertilizzante in eccesso può attirare agenti infettivi come le afidi.

Fosforo

E’ necessario per la crescita delle radici e per la formazione dei semi. Data la sua mancanza si osserva una colorazione verde scura delle foglie, prive di lucentezza, e delle colorazioni lividastre nei piccoli fusti, e nei nervi, oltre al verificarsi di uno sviluppo minore della pianta e delle radici. Tutto questo potrebbe anche influenzare la maturazione dei frutti e dei semi.

Potassio

È legato al dimensionamento della frutta, alla resistenza alle malattie e alla qualità del seme. I primi sintomi compaiono sulle foglie più vecchie, ma il peggioramento del danno è maggiormente focalizzato sui punti di crescita raggiungendo la putrefazione.

Ferro

La sua funzione è quella di fissare l'azoto che è coinvolto nella sintesi della clorofilla. Un suo basso contenuto è associato ad una clorosi caratteristica, che provoca un ingiallimento della foglia negli spazi tra le nervature. Un eccessiva combustione delle punte e dei bordi conduce ad una secchezza, o alla crescita significativa, ma a bassa fioritura.

Il trucco per essere in grado di distinguere ciò che vogliamo decidere per la pianta attraverso quasi gli stessi sintomi, è lo stesso trucco usato dai genitori quando sanno di cui hanno bisogno i figli, anche se l'unico modo che conoscono per comunicare sono i pianti: “vivere e dedicare un po 'di tempo per stare con loro."



Altri articoli interessanti

La coltivazione delle fave

venerdì 15 aprile 2016

La fava apartiene alla famiglia dei legumi. Per quanto riguarda la coltivazione, ne esistono due tipi: le fave tenere di cespuglio basso, con steli eretti che non necessitano de tutorato; e quelle di cespuglio alto o enrame, che invece...

Come coltivare i bulbi

giovedì 4 agosto 2016

Una bulbo è una piante che svolge il suo intero ciclo di vita in unasottoterra. Il bulbo è il modo più semplice per riempire il vostro giardino con il colore e la vita, come lafioritura e la sua crescita è abbastanza rapida...

L'orto a ottobre

venerdì 2 ottobre 2015

Durante il mese di ottobre le temperature favorevoli ci consentono di godere del lavoro del nostro orto senza doversi nascondere dal sole. Ciò nonostante, l'inizio dell'autunno è segnato dai primi freddi e piogge copiose, e anche se quest'anno...

La coltivazione in serra

giovedì 7 luglio 2016

La coltivazione in  serra ci dà la possibilità di lavorare in inverno ad una temperatura di almeno 5 ° superiore a quella esterna. Questo ci permetterà di preparare semenzai con 3 o 4 settimane in anticipo prima di di piantarle....

Scopri il nostro catalogo