Caricando...
Vai indietro
  • Tuo carrello 0 prodotti
  • Totale prodotti € 0,00
  • Costi di spedizione € 0,00
  • Totale € 0,00
Vai alla sezione

Galline..da dove iniziare?

Consigli per avviare l'allevamento di galline

Se state leggendo questo articolo significa che probabilmente state pensando ad un allevamento di galline. Hi scelto bene, le galline possono essere dei buoni animali domestici; si trovano a buon mercato, non richiedono molto impegno per la loro cura e sono una fonte di alimento, tanto per le uova che per la carne.

Le razze di galline

Si sei un allevatore alle prime armi,  scegliere una razza sarà un compito complesso, per il quale ti diamo alcuni consigli per compiere i primi passi.

Le razze meglio con il miglior rendimento   sono quelle che non si incubano e di dimensioni più piccole. Una gallina è a chioccia  quando sta incubando le sue uova e non  rappresenta la tipologia di gallina adeguata se vogliamo ottenere le uova. Le moderne razze ibride come il blu Fenton, producono un sacco di uova. Il Rhode Island Red è una buona razza che può esser allevata per un duplice scopo, sia per la loro carne che per le loro uova.

Bisogna tenere in considerazione che il rendimento di uan gallina diminuirá con il passare degli anni. Iniziano la produzione di uova a partire dai 5 ai 6 mesi e forniscono il massimo livello produttivvo durante il primo anno.Inoltre occorre somministrargli alimenti di qualitá e acqua pulita. E, cosa più importante, sono il numero di ore di luce, perchè la produzione di uova è stimolata dall'intensitá e la quantiá di luce alla quale sono esposte le galline.

Se vogliamo ottenere una carne di qualitá e con gran sapore, dobbiamo considerare ñe razze a "chioccia"( quelle che incubano le uova). In questo caso prendiamo in considerazione la razza Sussex o la francese Sasso. Queste razze crescono rapidamente e avranno una buona dimensione se sono allevate in un ambiente adeguato e alimentate nel giusto modo.

In questo caso l'alimentazione e il benessere sono molto importanti e gli allevatori  dovrebbero parlare con il fornitore riguardo le razioni giornaliere e le fasi di crescita.

Anche se in un primo momento può sembrarecomplicato  la cura di cui hanno bisogno, successivamente si vedrá  ricompensati con grandi benefici e ti chiederai  perché non lo avevi fatto prima.


Altri articoli interessanti

L'importanza della concimazione

giovedì 14 luglio 2016

Le piante ottengono dall’aria l’ossigeno, l’ idrogeno, il carbonio, e dal suolo e dall'acqua il loro cibo oltre ed altri elementi. Tuttavia, quando coltiviamo il terreno l’ equilibrio dello stesso si altera, poiché la...

Come coltivare il timo nel nostro orto

venerdì 22 aprile 2016

Oggi da Planeta Huerto ti raccontiamo come coltivare il timo (Thymus Vulgaris). Il timo è un arbusto aromatico sempreverde che può arrivere a misurare 40 cm di altezza. La leggenda racconta che il timo nacque da una lacrima versata da Elena di...

Come coltivare le Bietole nel nostro orto

mercoledì 27 luglio 2016

La Betola (Beta Cycla) della famiglia delle Chenopodiaceae, viene coltivata per le sue foglie, in alcune varietà viene utilizzata per picciolo carnoso e in altre per la foglia intera. La betola è stata un alimento fondamentale nella nostra dieta...

L'aglio: una coltura per iniziare

lunedì 29 agosto 2011

Possiamo cominciare la realizzazione di un orto urbano ecologico in un modo semplice e poco costoso. Dobbiamo semplicemente disporre di:Un vaso.Un po' di terriccio per vasi.Una testa d'aglio.Una finestra o un balcone.Primi passi per iniziare il...

Scopri il nostro catalogo