Caricando...
Vai indietro
  • Tuo carrello 0 prodotti
  • Totale prodotti € 0,00
  • Costi di spedizione € 0,00
  • Totale € 0,00
Vai alla sezione

Galline..da dove iniziare?

Consigli per avviare l'allevamento di galline

Se state leggendo questo articolo significa che probabilmente state pensando ad un allevamento di galline. Hi scelto bene, le galline possono essere dei buoni animali domestici; si trovano a buon mercato, non richiedono molto impegno per la loro cura e sono una fonte di alimento, tanto per le uova che per la carne.

Le razze di galline

Si sei un allevatore alle prime armi,  scegliere una razza sarà un compito complesso, per il quale ti diamo alcuni consigli per compiere i primi passi.

Le razze meglio con il miglior rendimento   sono quelle che non si incubano e di dimensioni più piccole. Una gallina è a chioccia  quando sta incubando le sue uova e non  rappresenta la tipologia di gallina adeguata se vogliamo ottenere le uova. Le moderne razze ibride come il blu Fenton, producono un sacco di uova. Il Rhode Island Red è una buona razza che può esser allevata per un duplice scopo, sia per la loro carne che per le loro uova.

Bisogna tenere in considerazione che il rendimento di uan gallina diminuirá con il passare degli anni. Iniziano la produzione di uova a partire dai 5 ai 6 mesi e forniscono il massimo livello produttivvo durante il primo anno.Inoltre occorre somministrargli alimenti di qualitá e acqua pulita. E, cosa più importante, sono il numero di ore di luce, perchè la produzione di uova è stimolata dall'intensitá e la quantiá di luce alla quale sono esposte le galline.

Se vogliamo ottenere una carne di qualitá e con gran sapore, dobbiamo considerare ñe razze a "chioccia"( quelle che incubano le uova). In questo caso prendiamo in considerazione la razza Sussex o la francese Sasso. Queste razze crescono rapidamente e avranno una buona dimensione se sono allevate in un ambiente adeguato e alimentate nel giusto modo.

In questo caso l'alimentazione e il benessere sono molto importanti e gli allevatori  dovrebbero parlare con il fornitore riguardo le razioni giornaliere e le fasi di crescita.

Anche se in un primo momento può sembrarecomplicato  la cura di cui hanno bisogno, successivamente si vedrá  ricompensati con grandi benefici e ti chiederai  perché non lo avevi fatto prima.


Altri articoli interessanti

La Fragola: una coltura decorativa

martedì 30 agosto 2011

L'unico frutto che ben si adatta alle caratteristiche di un piccolo orto è la  Fragola, appartenente alla famiglia delle Rosacee. Anche se la produttività è bassa, è una coltura interessante perché:Sia i fiori che i frutti sono molto...

L'orto a ottobre

venerdì 2 ottobre 2015

Durante il mese di ottobre le temperature favorevoli ci consentono di godere del lavoro del nostro orto senza doversi nascondere dal sole. Ciò nonostante, l'inizio dell'autunno è segnato dai primi freddi e piogge copiose, e anche se quest'anno...

Come annaffiare adeguatamente le vostre coltivazioni

giovedì 2 giugno 2016

Nell' ultimo articolo riguardo i fertilizzanti già vi ho accennato che ci sono alcuni temi in cui costa un po' coglierne le tecniche, e l'irrigazione non si ferma indietro. Sarebbe ideale poter consigliare una dose miracolosa, come quando il ...

Kleingarten, Gli orti tedeschi

venerdì 25 novembre 2011

Hai sentito parlare alcune volte di “kleingarten”? La sua traduzione letterale è “giardino piccolo” e rappresenta  un movimento che ha più di 200 anni in Germania. Inizialmente nacque come uno spazio che le classi...

Scopri il nostro catalogo