Caricando...
Vai indietro
  • Tuo carrello 0 prodotti
  • Totale prodotti € 0,00
  • Costi di spedizione € 0,00
  • Totale € 0,00
Vai alla sezione

Il Barbecue sempre come nuovo

Un Barbecue, ubicato all'esterno, è soggetto ad usura non dovuto solo al suo utilizzo, ma anche alle variazioni di temperatura, alla pioggia, al freddo e alla luce del sole. Considerando che vogliamo che duri tutta la vita, dobbiamo mantenerlo al massimo. Approfitta di questi accorgimenti che ti diamo, così a seconda del tipo di griglia che hai, sarà sempre come nuovo.

Consigli generali

Si consiglia di indossare sempre i guanti e prodotti di qualità per la piluzia, dal momento che da questo dipenderà la qualità della cucina del vostro barbecue. Esistono due accessori che è necessario includere nel vostro primo ordine: una copertura protettiva per conservare il barbecue  all'estrerno, e una spazzola di pulizia, che è possibile trovare a manico lungo o corto, e di materiali vari.

Un'altra idea semplice ed efficace è quello di ingrassare la griglia con carta impregnata di olio (meglio di olio vegetale). Questo è meglio farlo quando la temperatura comincia a salire, e deve quindi fatto con una pinza. Non pensate di farlo con un pennello, che si può fondere o bruciare, o con le mani. Come sempre, abbiate buon senso e cautela.

Pulizia del Barbecue

Barbecue a carbone

Strumenti: pennello con setole metalliche (di rame o di ottone), guanti, sapone, sgrassanti , e una spugna o un panno.

Quando la griglia è calda, raschiare con una spazzola per eliminare eventuali residui restanti. Una volta che le ceneri si sono raffreddate, possiamo bagnarle (per essere raggruppate e non fatte volare) e si può rimuovere in forma liquida, che è più facile, veloce e pulito. Per pulire l'esterno, si può fare con un panno o una spugna con acqua calda. Ricordarsi di chiudere le aperture di ventilazione quando non è in uso!

Barbecue a gas

Strumenti: pennello con setole metalliche (di rame o di ottone), guanti, sapone, sgrassanti, spugna o asciugamani di stoffa e di carta assorbente.

La griglia viene pulita appena prima o subito dopo averla usata per la cottura: a caldo (prima della cottura, quando il fumo esce del bruciatore, e dopo la cottura, proprio alla fine) è il momento migliore per raschiarla con il pennello. Per pulire la parte esterna del coperchio, si può utilizzare acqua o sgrassatore; la parte interna invece è più complicata: bisogna approfittarne quando è leggermente calda per spazzolare e rimuovere i residui con carta assorbente. Infine, per pulire il cassetto del  recupero del grasso, dobbiamo aspettare fino a quando non sarà freddo per  di svuotarlo con carta assorbente.

Un'altra opzione più veloce è quella di utilizzare i vassoi di alluminio per uso singolo per accumulare il grasso risparmiando di pulire una parte del nostro barbecue. Nel caso del barbecue del carbone e del gas, la pulizia a caldo è la differenza tra la pulizia in un minuto o quindici minuti ... tenetelo a mente!

Barbecue elettrico

Strumenti: pennello con setole metalliche (acciaio inox), guanti, sapone, carta assorbente, sgrassante o detersivo e una spugna o un panno.

Dobbiamo aspettare che  il barbecue sia completamente freddo prima della pulizia. Per pulire l'interno bisogna scollegare il barbecue e poi rimuovere il regolatore di temperatura. Passiamo la carta assorbente, e poi raschiamo con il pennello per rimuovere i residui aderenti alle pareti; se non scompaiono, possiamo usare un po' di sapone con spugna o un panno, strofinando e asciugando. Quindi lo rimontiamo assicurandoci di farlo bene, e posizionando prima il regolatore e dopo il relativo cavo. La parte esterna si puó pulire con detergenti per stoviglie o con detergenti speciali. Per quanto riguarda il cassetto raccogli grasso, una volta che è freddo, svuotarlo con carta assorbente.

Altri articoli interessanti

Come coltivare le pastinache nel nostro orto

lunedì 25 luglio 2016

La pastinaca o la Pastinaca sativa, è un ortaggio della stessa famiglia della carota, ma color crema, di forma allungata e leggermente irregolare. Coltivata fin dai tempi degli antichi in Europa e in Asia, sta diventando di moda...

La Fragola: una coltura decorativa

martedì 30 agosto 2011

L'unico frutto che ben si adatta alle caratteristiche di un piccolo orto è la  Fragola, appartenente alla famiglia delle Rosacee. Anche se la produttività è bassa, è una coltura interessante perché:Sia i fiori che i frutti sono molto...

Compostaggio vs. Vermicompostile

mercoledì 21 settembre 2016

Il compostaggio è quell'operazione che consite nel trasformare i resti organici del giardino, l'orto o cucina in compost, materiale ricco di microrganismi e sostanze nutritive che fertilizza il terreno in cui si sviluppano le nostre piante.È...

Imparare ad irrigare

giovedì 14 luglio 2016

Può sembrare stupido  spendere più di 5 parole a come trovare l'acqua, o come direbbe mia madre, per innaffiare le piante, ma l'irrigazione, soprattutto nel caso di giardinaggio in contenitori, è il compito più importante e che più...

Scopri il nostro catalogo