Caricando...
Vai indietro
  • Tuo carrello 0 prodotti
  • Totale prodotti € 0,00
  • Costi di spedizione € 0,00
  • Totale € 0,00
Vai alla sezione

Innesti, moltiplicazione di piante

L'innesto e' una tecnica che ha come finalità la creazione di una nuova pianta a partire dai frammenti  ottenuti  da un altra pianta (chiamata pianta madre). In determinate condizioni, questo frammento sviluppa le prime radici e poi da seguito ad un  nuovo esemplare.

Questo é il risultato della straordinaria capacità che possiedono i tessuti giovani per produrre le sostanze necessarie che danno luogo ad una nuova pianta.

Questo processo é conosciuto come moltiplicazione vegetativa, dato che la produzione del nuovo esemplare non necessita della fecondazione e generazione dei semi. La riproduzione vegetativa garantisce  la generazione di individui identici.

Perché l'innestare?

Ci sono situazione nelle quali é necessario tagliare per conservare le preziose qualitá di una determinata varietá o moltiplicare una coltivazione incapace di produrre semi nel nostro clima.

Inoltre, il taglio puo essere  utilizzato anche per creare specie ibride. Cioé', combiniamo mediante questa tecnica due specie distinte  (peró compatibili) e otterremo come risultato un mix di queste.

Tipi di innesto

La tecnica di riproduzione di esemplari attraverso i tagli non é la stessa per tutte le piante ne si deve effettuare in ogni periodo dell' anno.

Nelle piante erbacee, i tagli devono effettuarsi alla fine dell' estate o all'inizio dell'autunno, per le  piante legnose, il periodo adeguato é l'autunno e per le piante nei vasi, i periodi migliori sono l'estate e la primavera.

Inoltre, affinché il risultato sia il migliore possibile, si deve scegliere un esemplare giovane e sano, che non sia stato colpito da malattie e non abbia deformazioni.

Altro aspetto molto importante é il frammento della pianta( foglia, gambo e rama) a partire dal quale si ottiene un esemplare identico alla piante madre.

Esistono vari tipi e forme di realizzare il taglio in base a quanto precedentemente detto.

Innesto del gambo

E' IL metodo piu utilizzato, dato che la maggioranza delle piante si riproducono con facilitá mediante i frammenti del gambo.

Per realizzare un taglio del gambo, dobbiamo includere una porzione dello stesso (in generale dovrá misurare tra i 7.5 e i 15 cm di lunghezza) con alcune foglie.

Ogni taglio del gambo avrá due noccioli come minimo e non più di sei (il nocciolo é il luogo  da dove nasce la foglia; a volte, é una zona che si nota)

Innesto delle foglie

E' un metodo che si utilizza in alcune piante da interno  che hanno la capacitá di rigenerarsi a partire dalle sue foglia. Durante il periodo di crescita, si separano le foglie  e il  suo picciolo (angolo che collega la lama di una foglia alla base della foglia o stelo). Continuando, si colloca la foglia piana sopra il terriccio con il picciolo interrato di un centimetro e, nel tempo, la foglia produrrá piante giovani.

Innesto dei rami

Il taglio del ramo consiste nel tagliare rami dai sei agli otto centimetri (que contengono da uno a tre tuorli) e collocarli in una mix  di sabbia e turba. Per favorire la tenuta, é preferibile mantenere un ambiente molto umido e caldo.

Con questo metodo, generalmente, si possono  moltiplicare i rami di aglaonema, dieffenbachia e dracaena.

Innesto della gemma

Si tratta di una tecnica complicata che deve utilizzarsi  solo quando non si dispone di sufficienti tagli di rami. Consiste nella riproduzione di una pianta a partire da una situata nei posti dove la foglia sta all'interno del ramo. Questa tecnica viene utilizzata solamente da professionisti che devono moltiplicare in grande scala una specie per poterla commercializzare.

Innesto del bulbo

Questo tipo di tecnica si applica solamente ai bulbi provvisti di scaglia(giglio, frittilaria, latte di gallina, etc). Risulta interessante per moltiplicare la varietá i cui bulbi si vendono ad un prezzo elevato. Devi tenere  in considerazione che effettuare la talea dei fiori a bulbo é  un proceso lento, dato che i  risultati  saranno visibili non prima di 3 o 4 anni.

Accuratezza dei tagli

Affinché i nostri tagli abbiano effetto, dobbiamo prestare alcuni accorgimenti dopo aver piantato:

  • collocarlo in posti pieni di luce, anche filtrandola con una tendina, dato che la luce diretta non apporta benefici
  • L' umiditá. Devi irrigare e vaporizzare i tagli con regolaritá
  • Un altro fattore chiave é il calore. Il calore che riceve il taglio deve essere almeno equivalente a quello richiesto  dalla pianta madre (specialmente per  le plante da interno).

Esempi di innesti

Aliso

L'Alisso é  un albero della famiglia delle betalucee. Grazie alla peculiaritá delle sue radici, può utilizzare il nitrogeno per alimentarsi, per il quale prospera anche in suoli molto aridi.

Può moltiplicarsi mediante innesto del gambo. Per quello, si procede nel seguente modo:

  • 1. Dopo la caduta delle foglie in autunno, si tagliano i rami spessi, del diametro di una matita e tra i 10 e 15 cm di lunghezza.
  • 2. Si taglia la punta e si conservano solo quattro o cinque gemme ben formate.
  • 3. Si introducono due terzi della lunghezza del taglio in una scatola con sabbia. Lo conserviamo in una scatola di sabbia durante l'inverno, in un locale protetto dalle gelate.
  • 4. In primavera lo piantiamo, lasciando almeno due gemme fuori dalla terra nel suolo al quale si aggiunge sabbia o turba. Bisogna irrigarlo frequentemente durante l'estate.

Il Giglio

Il giglio é una pianta dal taglio spesso che forma un bulbo sottoterra, scaglioso o spoglio, utilizzato per sopravvivere in inverno.

Può moltiplicarsi con il taglio da bulbo. Per questa procedura si effettuano le seguenti attivitá:

  • 1. In estate si sbuccia il bulbo con le mani e si staccano con attenzione le parti piu carnose.
  • 2. Si mettono le bucce in una busta di plastica trasparente riempita con turba e sabbia. In poco tempo si formano bulbi provvisti di radice.
  • 3. Si pianta ogni bulbo singolarmente. E' molto importante collocarli all'aria aperta in un locale riparato
  • 4. Durante la stagione, iniziano a germogliare.


Sansevieria

La sansevieria  é una pianta molto longeva e resistente. Il suo aspetto, dalle foglie dura ed erette possono arrivare dino ai 50 cm di altezza, apportando un aspetto statutario tale da rendere questa pianta  ideale per la decorazione di strutture moderne.

Può moltiplicarsi mediante la tecnica della innesto da foglia. Occorre procedere nel seguente modo:

  • 1. In Primavera, si tagliano i tranci dai 10 ai 15 cm di alcune foglie ben sviluppate e sane, lasciandole seccare 24 ore.
  • 2.Si piantano i tranci in un vaso mischiandoli con un mix di sabbia e turba. Copriamo il vaso con una busta di plastica ponendolo in un luogo caldo.
  • 3. Lo irrighiamo moderatamente  per mantenere lo strato umido.
  • 4.Quando si sono formati nuove foglie, trapiantiamo i tagli in una soluzione mischiata di  humus, brughi e sabbia.

Menta

La menta é una pianta erbacea, aromatica che arriva fino ad una altezza di 120 cm. Sviluppa sotto il suolo i rizoma sotterranei che crescono ed invadono lo spazio delle piante vicine.

Possiamo moltiplicarne la produzione mediante innesto di ramo procedendo nel seguente modo:

  • 1. Si selezionano i rami con il miglior aspetto per effettuare un taglio trasversale fino alla meta del gambo.
  • 2. Una volta effettuato il taglio, eliminiamo le foglie di sotto e conserveremo solo quelle di sopra.
  • 3. Prendiamo un vaso con terra ed interriamo il gambo di meta in modo tale che si vedano solo le foglie. E' importante che il gambo non tocca con il fondo del vaso perche poi àvra un costo buttare le radici. Una volta piantato, occorre inumidire la terra.
  • 4. Per concludere, copriamo i tagli per proteggerli dal vento e dal freddo,(lasciando un foro affinché possa respirare).



Altri articoli interessanti

L'orto a maggio

martedì 3 maggio 2016

Le temperature calde e gradevoli del mese di maggio, riempiono di attività l'orto, nel quale oltre la semina e il trapianto, non vanno dimenticati i lavori di mantenimento delle coltivazioni già presenti, così come l'attenzione verso possibili...

Coltivare con la Luna

martedì 30 ottobre 2012

La Luna e i suoi cambiamenti di forma e luogo sono di nostra conoscenza. Anche se non si è in grado di dimostrare scientificamente il suo effetto sulle colture, in passato giardinieri e orticoltori avevano osservato la loro influenza positiva o...

Kleingarten, Gli orti tedeschi

venerdì 25 novembre 2011

Hai sentito parlare alcune volte di “kleingarten”? La sua traduzione letterale è “giardino piccolo” e rappresenta  un movimento che ha più di 200 anni in Germania. Inizialmente nacque come uno spazio che le classi...

Piante aromatiche: ododi, colori e altri benefici

martedì 30 agosto 2011

La combinazione di ortaggi con altri tipi di piante aromatiche è una pratica che si rivela molto utile per il nostro orto, che vanterà luci, colori e aromi attraenti. Questo tipo di piante si distinguono per essere rustiche, e facili da coltivare,...

Scopri il nostro catalogo