Caricando...
Vai alla sezione

La coltivazione del carciofo

La pianta di carciofo si distingue per le sue carnose infiorescenze commestibili da grande degustazione. Si puó dire che il carciofo é adatta per gli agricoltori da cardi selvatici.

Requisiti del Carciofo:

Clima: I corciofi hanno bisogno di un abiente freddo per svilupparsi, ma non sopportano in freddo intenso, nemmeno il caldo eccessivo. Inoltre, richiedono abbondante acqua e irrigazione, ma non tollerano un umiditá eccessiva. Per questo, le zone temperate del Mediterraneo sono le piú indicate per ottenere un'elevata produzione.

Irrigazione: Hanno bisogno di un umiditá regolare ma non sopportano l'eccesso di acqua o l'allargamento della radice. L'ideale é installare un sistema di irrigazione a goccia.  Se ci rendiamo conto delle inondazioni, tenderemo  conto a fare la piantagione su un crinale largo e leggermente elevato.

Nutrienti: Il carciofo ha bisogno di un buon condimento basale con letame o concime e una fornitura di concime maturo nella fase di produzione. 

Sottofondo: Necessita di un suolo sano, aereados in profonditá e molto ricco in materia organica e terriccio. Dobbiamo evitare quelli molto pesanti, umidi e molto leggeri e secchi.

Mundo alcachofa

Come cultivare il carciofo:

Dalla semina alla raccolta possono trascorrere da otto mesi a un anno, mentre con paletti o con tagli da quattro a cinque mesi. 

Per quello, la forma piú abituale di coltivo é per paletti o con taglio. Questo consiste nell'arrecare paletti nella parte laterale del carciofo ( il paletto centrale si scarta, perché é la pianta vecchia e non ricrescerá ).  I paletti si selezionano tenendo conto che non presentano carenze, che non hanno le aste che perdono e non hanno nessuna carenza alla base. Inoltre, ogni paletto dovrebbe un minimo di tre o quattro brotecitos alla base, sopra le radici. 

El trapianto dei paletti é consigliabile farlo da luglio a settembre nei periodi caldi e da marzo a aprile nelle zone molto fredde. 

Queste si piantano in linea in linea o a terrazze, Separandoli con 70 cm di distanza e coprendo la terra con 3 a 5 cm di semina.

Se si vuole coltivare dalla semina; questo si realizzerá da marzo a luglio e si trapianteranno quando avranno un'altezza di 10 cm. Potremmo raccogliere da dicembre a marzo dell'anno seguente.

006294 - Alcachofas


Associazioni:

Si tratta di una pianta pluriennale, cosí durante tutto l'anno possiamo ottenere la sua raccolta. Non é, quindi, consigliabile metterla nelle parti dove realizziamo rotazioni, metterle a parte. Rimanendo per vari anni sopra lo stesso terreno, il carciofo é un coltivo che richiede molta terra. Se le piantagioni avvengono senza lasciar trascorrere il tempo necessario, si produrranno problemi sanitari, come parassiti che infettono le radici producendo virus e batteri, di difficile trattamento curativo

Se é possibile, introdurre prati di rotazione o concimi verdi, multifiori che arrichiscono in suolo in materia organica e favoriscono l'attivitá microbiologica del suolo.

Raccolta del carciofo:

Taglieremo i carciofi quando presentano una dimensione adeguata. I primi carciofi, quelli che crescono nel centro dello scoppio, solidamente rotonde e grandi di spessore, mentre le seconde, quelli che presentano i rami laterali, sono piú allungati e piccoli.

E' conveniente tagliare sempre al gambo di ogni carciofo al di sotto dell'altezza in cui i carciofi sono piú giovani, di questa forma la pianta si svilupperá e aumenterá la sua resistenza ai periodi freddi.

La dieta de la alcachofa

Parassiti:
  • Pulgón: Appaiono sul suolo se abusa dell'irrigazione e degli abbondanze di nitrogeno. Se compaiono, ricorriamo al " sapone di potassio" o al repellente di astratto di aglio.
  • Gusano barrenador: Questi sono introdotti al basso e nel cunicolo. Possiamo applicare bacillus thuringiensis per l'eliminazione.
  • Caracoles o babosas: Raccolta a mano dopo giorni di pioggia, inoltre, collochiamo piastrelle intorno al nostro coltivazione per fornire rifugi, cosí sará piú facile individuarlo

I carciofi in Planeta Huerto:

[00451>



Altri articoli interessanti

L'importanza della concimazione

giovedì 14 luglio 2016

Le piante ottengono dall’aria l’ossigeno, l’ idrogeno, il carbonio, e dal suolo e dall'acqua il loro cibo oltre ed altri elementi. Tuttavia, quando coltiviamo il terreno l’ equilibrio dello stesso si altera, poiché la...

La Fragola: una coltura decorativa

martedì 30 agosto 2011

L'unico frutto che ben si adatta alle caratteristiche di un piccolo orto è la  Fragola, appartenente alla famiglia delle Rosacee. Anche se la produttività è bassa, è una coltura interessante perché:Sia i fiori che i frutti sono molto...

Come coltivare le pastinache nel nostro orto

lunedì 25 luglio 2016

La pastinaca o la Pastinaca sativa, è un ortaggio della stessa famiglia della carota, ma color crema, di forma allungata e leggermente irregolare. Coltivata fin dai tempi degli antichi in Europa e in Asia, sta diventando di moda...

La coltivazione del cavolfiore

lunedì 4 aprile 2016

Il cavolfiore è una pianta della famiglia delle crucifere (o brassiche ), come il cavolo e i broccoli. Rintra nel gruppo delle plante che coltiviamo per il suo fiore, e anche se ci sembra strano, nel tempo si sono andate...

Scopri il nostro catalogo