Caricando...
Vedi prodotti

L'orto in 1m2 Grandi sconti nei migliori prodotti per il tuo orto urbano

Vai indietro
  • Tuo carrello 0 prodotti
  • Totale prodotti € 0,00
  • Costi di spedizione € 0,00
  • Totale € 0,00
Vai alla sezione

La coltivazione del nasturzio

Oggi Planeta Huerto vi riporta come coltivare il nasturzio (Tropaeolum majus) . Il nasturzio è originario della zona delle Ande (in Sudamerica), ed è una pianta ornamentale,  erbacea annuale e perenne che appartiene alla famiglia delle Tropeoláceas. Le sue foglie e i suoi steli sono spesso usati come condimento nelle insalate, e servono anche come repellente per insetti in alcuni organismi infestanti che colpiscono soprattutto le verdure. Possiede dei fiori molto decorativi e colorati  che vengono spesso utilizzati per decorare terrazze e balconi poichè cresce come una vite.

La coltivazione del nasturzio

Tipo di suolo

Il nasturzio si adatta a tutti i tipi di terreno, ma è preferibile che essi siano ben drenati, fertili, e umidi, ma tollera anche quelli secchi. Deve essere piantato dove   riceve un' alta esposizione solare.

Clima

climi temperati, tollera le gelate purché non siano molto intensie e lunghe.

Semina e trapianto

La semina del Nasturzio può essere fatta in autunno e primavera. I semi sono seminati direttamente in giardino o vasi, disponendo 4 / 5 righe separate ogni 25 cm.

Irrigazione

Necessita di un irrigazione costante e moderata, evitando di inondarlo.

Cure specifiche

Parassiti e malattie

lo contaminano gli afidi, specialmente il nero dei fagiolini.

Afide: l'afide di solito appare quando si abusa di irrigazione e il suolo emette un eccesso di azoto. Se questo è il caso, si  ricorrerà al sapone di potassio sciolto in acqua o  a qualche preparazione che ti offriamo in Planeta Huerto. Il sapone di potassio è un prodotto naturale, organico, non tossico, che non richiede termini di sicurezza e rispetta la fauna ausiliare. Nell'articolo "Come combattere l'afide"  è possibile trovare tutte le informazioni necessarie per porre fine a questo parassita conosciuto.

Raccolta e utilizzo
Vendemmia

Dal nasturzio si possono ricavare per lo più: fiori, foglie e semi. I suoi fiori  vengono raccolti quando sono completamente aperti, con un pezzo di gambo e vengono divisi affinchè si mantengano freschi più a lungo possibile. Così, la pianta darà vita a nuovi fiori. Le foglie possono essere raccolte in qualsiasi momento, i semi invece si  raccolgono verdi prima che la pianta li estragga.

Usi e proprietà

I suoi benefici sono:

  • Antiossidante: Contiene un alta dose di beta carotene e vitamina C, che aiutano a prevenire il cancro e i problemi di cuore. Per servirsi della vitamina C non si deve cucinare la pianta, visto che la cottura annulla le propretà di questa vitamina.
  • Diuretico: Previene la ritenzione dei liquidi ed è indicato nelle diete dimagranti perché è un potente sgrassante.

  • Stimola la circolazione periferica.

  • Azione cardiotonica e vasodilatatrice: Aiuta a  prevenire gli incidenti cardiovascolari.

  • Espettorante naturale: Aiuto in processi come la bronchite o il raffreddore.

  • Disinfettante: Disinfetta ferite superficiali evitando che si infettano.

  • Afrodisiaco: il suo consumo aumenta il desiderio sessuale.

  • Con l'infusione previene la perdita dei capelli.

In cucina, il nasturzio può essere preso come succo di frutta o tè, utilizzato anche come condimento nelle insalate, oppure per dare colore grazie alle sfumature colorate dei suoi fiori.

Il nasturzio si caratterizza per il contributo  all'equilibrio ecologico e alla lotta contro i parassiti, è una pianta anti-parassita. Viene utilizzato per attrarre gli afidi negli organismi infettanti e nella mosca bianca affinchè non attacchino altre piante.

Per ottenere il massimo beneficio del nasturzio come pianta anti-parassita è consigliabile piantarlo in mezzo agli alberi per evitare che si avvicinino alle verdure.

Associazione di coltivazione

Se si desidera approfittare dei benefici dell'associazione delle coltivazioni ,queste tre verdure sono ideali da piantare accanto al nasturzio: pomodori, cetrioli e lattuga.

Il nasturzio in Planeta Huerto

In Pianeta Huerto troverete queste due varietà di nasturzio da coltivare:




Altri articoli interessanti

Come combattere i parassiti della mela

giovedì 29 settembre 2016

La mela può essere vittima di numerosi parassiti. E’ molto importante identificare di che parassiti si trattino ed eseguire i controlli necessari preventivi. In questo caso, afide, scabbia e vari tipi di bruchi sono più dannosi per questo...

Come combattere i funghi dell'orto in maniera naturale

mercoledì 31 agosto 2016

Come appassionata di raccolta di funghi, il mondo dei funghi mi appare molto affascinante. Come orticoltrice, non cosí tanto, ed è uno dei problemi che temo di più. Forse è per questo che non mi stancherò mai di insistere sulla necessitá di...

Spinaci: una coltura nutritiva

martedì 30 agosto 2011

È interessante coltivare in casa questo ortaggio, appartenente alla famiglia delle Chenopodiaceae (spinaci, barbabietole), perché al di là del falso mito della loro ricchezza di ferro, si tratta di uno degli ortaggi con il più alto contenuto di...

Come coltivare il sedano nel nostro orto

venerdì 6 maggio 2016

Il sedano proviene dalla famiglia dei Apiáces, conosciuta precedentemente come umbellate. E' una pianta biennale e i suoi semi si caratterizzano per avere 5 nervature che corrono lungo di essa.SeminaCi sono due stagioni per la semina del sedano: da...

Scopri il nostro catalogo