Caricando...
Vai indietro
  • Tuo carrello 0 prodotti
  • Totale prodotti € 0,00
  • Costi di spedizione € 0,00
  • Totale € 0,00
Vai alla sezione

La coltivazione e cura dell'agerato azzurro

L'agerato azzurro è una pianta di stagione che produce ,dall'inizio della primavera fino alla fine dell'estate, fiori azzurri molto vistosi in giardino. É una pianta di stagione, cosicché passata questa stagione  si deve eliminare.

É una pianta erbacea che raggiunge i 30 centimentri di altezza. Le sue foglie ( su 7 centimetri di lunghezza)  possono essere ovali o triangolari e i fiori di colore azzurro hanno un effetto pomposo, cosicché si possono utilizzare per ingrandire  al giardino.

Coltivo

L'agerato azzurro si pianta a pieno sole,anche se in clima caldi puó anche stare all'ombra, podendo coltivarsi in una fioriera da casa.

Processo

  • 1. Si deve seminare tra gennaio e marzo, facendo presente che le temperature non devono essere inferiori ai 2ºC, perché si possono danneggiare.
  • 2. Dobbiamo scegliere un terreno allentato che è tenuto umido, in modo da facilitare lo sviluppo di questa pianta
  • 3. Dobbiamo lasciare una distanza di 30 cm tra di loro.
  • 4. Dobbiamo lasciare il suolo ben drenato , irrigandoli due volte a settimana. Tuttavia, ogni 15 giorni approsimativamente, dobbiamo integrarle l'acqua per offrirgli una migliore fioritura. 
  • 5. Dobbiamo trapiantarli quando le piante raggiungono i 10 cm di altezza. In questa occasione, si deve lasciare 20 cm di distanza tra di loro cosí che vadano a formare un congiunto piú voluminoso e frondoso.
  • 6. Conviene tagliargli le punte alle piante giovani per renderle piú dense e assicurargli una fioritura piú lunga.
  • 7.Inizieranno a fiorire in estate o autunno (a seconda di quando le piantiamo) 
  • 8. Durante questo periodo la pianta necessita di piú umiditá, per questo dobbiamo fornirgli acqua ogni 2 giorni.
  • 9.Se osserviamo che ci sono fiori che si macchiano, dobbiamo eliminarli per assicurargli una fioritura continua.

Moltiplicazione

La moltiplicazione dell'agerato azzurro si realizza con la semina. Per questo, dobbiamo raccogliere i semi quando sono maturi. Dobbiamo ripartire i semi omogenei per la barra o fioriera e coprire con un sottile strato di substrato, sistemandoli bene cosicché i semi entrano in contatto diretto con la terra.

I semi inizieranno a germinare a 15-20 giorni, in quel momento gli dobbiamo dare tutte le attenzione che abbiamo cosi che la pianta possa svilupparsi in condizioni favorevoli.

Usi

  • Essendo una pianta volumina e di colore vivace, si usa come una pianta di ripieno in giardino. É ideale come accompagnante di pianti annuali di fiori ( come per esempio la salvia), dal momento che sono fatte dal contrasto di tonalità dell'agerato azzurro.
  • E' ideale per essere collocata in balcone o terrazze, dal momento che offre un aspetto colorito che permette di decorare queste zone.
  • Si puó servire come pianta di interiore, dando un aspetto colorito e attrattivo alla casa.


Malattie e parassiti

  • Se osserviamo che la fioritura é scarsa, dobbiamo orientare la pianta in modo da ricevere, almeno, quattro o cinque ore di luce solare diretta, puó essere dovuto al fatto che tiene poco apporto di luce.
  • Se la pianta sta macchiata , dobbiamo irrigarla piú spesso, perché puó essere che la terra é sufficientemente umida. 
  • Questa pianta é molto simile al ragno rosso, provoca che si decolora e secca le foglie. Per evitare questo, dobbiamo tenere un alta umiditá sul suolo. Se osserviamo che ci sono sintomi di attaccatura di questi insetti ( le foglie iniziano a diventare gialle e appaiano appuntite) dobbiamo applicargli, polverizzando, una miscela di acqua e sapone di potassio o altri trattamenti specifici.
  • Si possono anche attaccare i parassiti. Per combatterli, tratteremo la pianta con insetticida (ecologico, ovviamente) specifici.

Curiositá 

Nonostante le piaghe che abbiamo citato e che possono influenzare in maniera nociva, l'agerato azzurro ha sviluppato in modo ingegnoso dei metodi per proteggersi dagli insetti,perché produce un composto che interferisce con il normale funzionamento di alcuni "bug". Questa sostanza chimica attiva fa si che l'insetto non  si sviluppi e rimane sterelizzato se viene usato in grandi quantitá

Altri articoli interessanti

Come coltivare le rape nel tuo orto

venerdì 18 marzo 2016

La rapa di grelos o rapa Brassica L. è della famiglia delle crocifere, famosa per il piatto lacón con grelos che è un piatto tipico gagliego. Dobbiamo distinguere tra rapa nabiza e grelo. Il primo è la radice, il secondo le...

Come coltivare i cavoli rapa nel nostro orto

venerdì 22 luglio 2016

ll Cavolo rapa è una radice di sapore dolce (e talvolta con un tocco di spezie), che proviene dalla famiglia delle crucifere, una miscela di cavoli e rape. Si raccomanda di farlo consumare a persone con problemi ...

L'importanza della concimazione

giovedì 14 luglio 2016

Le piante ottengono dall’aria l’ossigeno, l’ idrogeno, il carbonio, e dal suolo e dall'acqua il loro cibo oltre ed altri elementi. Tuttavia, quando coltiviamo il terreno l’ equilibrio dello stesso si altera, poiché la...

Piante aromatiche: ododi, colori e altri benefici

martedì 30 agosto 2011

La combinazione di ortaggi con altri tipi di piante aromatiche è una pratica che si rivela molto utile per il nostro orto, che vanterà luci, colori e aromi attraenti. Questo tipo di piante si distinguono per essere rustiche, e facili da coltivare,...

Scopri il nostro catalogo