Caricando...
Vai indietro
  • Tuo carrello 0 prodotti
  • Totale prodotti € 0,00
  • Costi di spedizione € 0,00
  • Totale € 0,00
Vai alla sezione

L'afide e le formiche, un' associazione fatale

Gli afidi sono una delle piaghe più comuni in entrambi orti e giardini con piante ornamentali, per la loro grande capacità di adattamento e diffusione. Esistono diverse specie le piu comuni sono..

  • L’ afide verde presente in carciofi, piselli, fagioli e fragole.
  • L’ afide del cavolfiore.
  • L’ afide nero dei fagiolini.
  • L’ afide giallo delle fragole.

Egli è un consumatore instancabile di azoto, che viene succhiando salvia da una vasta gamma di piante ospiti, preferendo i germogli più teneri per la più alta concentrazione di azoto. L’ essere succhiatore facilita anche l'ingresso del virus, che può provocare una malattia virale per lo stato debole della pianta.

Gli zuccheri in eccesso e l’ acqua ottenuta dalla salvia vengono prersentatisotto forma di melassa, con la quale si nutrono i soci come le formiche. Questo buffet self-service è ricompensato dalle formiche con un servizio di sicurezza, proteggendo l'afide dagli altri insetti che lo depredano, e con un servizio di trasporto in cerca di nuovi germogli succulenti.

Se avete mai sofferto di una invasione di afidi avrete notato che si saranno diffusi in poco tempo su tutta la pianta. Questo perché segue un perfetto protocollo di colonizzazzione. In un primo momento tutti gli individui sono femmine senza ali che si riproducono, quindi in una settimana ciascuno può avere fino a 150 prole, quando la risorsa scarseggia sono le prime femmine con le ali a spostarsi in altre aree, e quando finalmente ci sono condizioni atmosferiche favorevoli, maschi e femmine sembrano riprodursi e deporre le uova , aspettando di nuovo fino al momento in cui le condizioni siano adeguate

Come riconoscere che ho una piaga di afidi?

Gli afidi non è che siano molto discreti, sono facili da vedere, formando una sorta di massa legata agli steli più molli, dove le foglie si accartocciano e si torcono.

In aggiunta, anche la presenza dei suoi soci li rivela, sia per l’abbondanza di formiche o per la comparsa di grassetto sulle foglie, un tipo di fungo, le fumaginas, che si servono anche loro della melassa e coprono di nero gli steli e le foglie, impedendo una corretta fotosintesi e indebolendo la pianta.

Cosa posso fare?

  • Ora che conosciun po' di biologia e di comportamento degli afidi puoi intuire alcune pratiche che ti eviteranno problemi con loro.

  • Monitorare la presenza di formiche, perché possono rimanere nei loro formicaimantenendo colonie di afidi che portano a pascolare sui nostri ortaggi all’ arrivo della primavera. Durante questo periodo dobbiamo essere particolarmente attenti, perché la crescita delle piante è molto veloce che contiene grandi quantità di azoto ed è più appetibile per l'afide.

  • Non abusare di fertilizzanti azotati.

  • Avere un orto biodiverso, composto da piante aromatiche che respingono gli afidi eda altre che ospitano alcuni dei nemici naturali degli afidi come le coccinelle, forbici o forbicine. Tuttavia possiamo attirare questi insetti fornendoglidei riparidove si rifuggiano nei momenti piu difficili.

  • Aggiungere alla pianta un rinforzante come il liquame di ortiche, che amplificheràla salvia rendendola meno appetibile per l'afide.

Se abbiamo già l'afide nelle nostre piante, ci sono diversi passi da compiere a seconda della gravità della piaga:


Altri articoli interessanti

Come coltivare gli asparagi nel nostro orto

mercoledì 20 aprile 2016

Oggi vi raccontiamo come coltivare gli asparagi, un vegetale che proviene dalla famiglia delle gigliacee. Quello che mangiamo si chiama turione ed é un tenero germoglio che cresce negli asparagi. I turioni possono essere verdi (con un sapore piú...

Come coltivare il timo nel nostro orto

venerdì 22 aprile 2016

Oggi da Planeta Huerto ti raccontiamo come coltivare il timo (Thymus Vulgaris). Il timo è un arbusto aromatico sempreverde che può arrivere a misurare 40 cm di altezza. La leggenda racconta che il timo nacque da una lacrima versata da Elena di...

L'aglio: una coltura per iniziare

lunedì 29 agosto 2011

Possiamo cominciare la realizzazione di un orto urbano ecologico in un modo semplice e poco costoso. Dobbiamo semplicemente disporre di:Un vaso.Un po' di terriccio per vasi.Una testa d'aglio.Una finestra o un balcone.Primi passi per iniziare il...

L'importanza della concimazione

giovedì 14 luglio 2016

Le piante ottengono dall’aria l’ossigeno, l’ idrogeno, il carbonio, e dal suolo e dall'acqua il loro cibo oltre ed altri elementi. Tuttavia, quando coltiviamo il terreno l’ equilibrio dello stesso si altera, poiché la...

Scopri il nostro catalogo