Caricando...
Tornare
  • Tuo carrello 0 prodotti
  • Totale prodotti € 0,00
  • Costi di spedizione € 0,00
  • Totale € 0,00
Vai alla sezione

L'importanza della concimazione

Le piante ottengono dall’aria l’ossigeno, l’ idrogeno, il carbonio, e dal suolo e dall'acqua il loro cibo oltre ed altri elementi. Tuttavia, quando coltiviamo il terreno l’ equilibrio dello stesso si altera, poiché la velocità con la quale la pianta consuma e termina questi elementi, è maggiore della velocità con la quale si decompongono e sono disponibili nel suolo in maniera naturale.

Con la concimazione ciò che si ottiene è quello di portare la materia organica (vegetale o animale) e minerale al suolo con tutti gli elementi necessari per lo sviluppo di verdure, al fine di correggere tali squilibri.
La perdita degli elementi colpisce soprattutto:

  • L’azoto (N) che è necessario per la crescita delle piante. La sua carenza provoca l’ingiallimento delle foglie e blocca la sua crescita.
  • Il fosforo (P): che potenzia lo sviluppo delle radici, rafforza il ciclo della pianta e promuove la maturazione di fiori e frutti. La sua assenza è legata ad un oscuramento delle foglie e alla scarsa fioritura.
  • Il potassio (K) è responsabile del trasporto delle sostanze nutritive in tutta la pianta ed è più resistente ai tessuti, siccità e gelo. Di fronte a una mancanza di questo elemento si produce un minor numero di germogli, che essendo sottili, possono anche seccarsi.

È pertanto essenziale mantenere un buon rapporto N / P / K e garantire la presenza di microelementi come lo zinco, il magnesio, il calcio o il ferro, attraverso l'incorporazione nel terreno di concimi.

Tuttavia, non dobbiamo dimenticare che la ricchezza del terreno non si misura solo dalla quantità degli elementi chimici disponibili alle piante, ma anche per la sua attività microbica, giacché il loro maggiore o minore impatto si ripercuoterà non solo sulle caratteristiche chimiche del terreno , ma anche su quelle fisiche. I microrganismi non sono solamente i responsabili del processo e della conversione della materia da organica ad inorganica, purché le piante possano servisene, ma anche del miglioramento  della struttura del terreno.

È quindi importante utilizzare concimi organici e minerali naturali per mantenere in buone condizioni la popolazione di microrganismi del terreno, che non si ottiene con i concimi chimici, che provocano un impoverimento del terreno e la contaminazione delle acque sotterranee.

Qui di seguito verranno spiegati alcuni tipi di concimi per la coltivazione della terra:

  • Di fondo: la preparazione per trasformarlo in terreno fertile. Di solito si realizza prima di iniziare una lavorazione del terreno con un motocoltivatore. La sostanza organica fornita deve essere ben decomposta, non c’e mai materia organica fresca.
  • Di copertura o di superficie: questo concime si realizza con una coltivazione già stabilita e si colloca direttamente sulla superficie includendo leggermente un lavoro di zappa o fatiscenti.
  • Liquido: avviene attraverso l'irrigazione. Se abbiamo un irrigazione a goccia può essere iniettato nella rete d'irrigazione, altrimenti, possiamo vaporizzarlo sulla pianta in modo tale che venga assorbito dalle foglie.

Nel caso di coltivazioni di orti di piccolo formato, non si coltiva direttamente sul suolo minerale, ma per ottenere abbastanza nutrienti in un rapporto adeguato, per avere una buona capacità di tenuta e di aerazione, e per promuovere il lavoro dei microrganismi, si deve partire sin dal primo momento da un buon substrato.

Il substrato è costituito da una miscela di materiali. Da una parte, il materiale che svolge il ruolo di contenitore, in cui la pianta crescerà, e che è responsabile principalmente delle proprietà fisiche: fibra di cocco, perlite, vermiculite, corteccia di pino, ecc ... D'altra parte, il compost, preferibilmente il vermicompost, sarà il fornitore di nutrienti.

Nel mercato sono chiamati substrati universali, sono confortevoli perché esiste già il mix, ma non vi è incertezza per quanto riguarda l'origine della loro composizione, e non sempre la materia organica è completamente decomposta. Un'altra opzione è lo sviluppo del vostro substrato, come esempio valido abbiamo questa semplice miscela per la coltivazione nei contenitori, che proporziona un materiale leggero e neutro con un alto contenuto di nutrienti e capacità di aerazione e ritenzione idrica.

60%  FIBRA DI COCCO+ 40% VERMICOMPOST


Altri articoli interessanti

Idee per il tuo giardino

mercoledì 14 marzo 2012

Un giardino puó offrire molte cose, per definizione si tratta di un terreno dove si coltivano piante ornamentali, ma questa definizione è troppo restrittiva per un "planetahuertista". Di seguito vi offriamo una serie di idee guida per piccoli...

L'orto a novembre

lunedì 3 novembre 2014

Nel mese di novembre possiamo tirare un respiro. L'orto è in una sorta di letargo e i lavori da fare sono prevalentemente di manutenzione. Possiamo utilizzare questo mese per pianficare la rotazione per organizzare il lavoro, evitare i costi per il...

Imparare ad irrigare

giovedì 14 luglio 2016

Può sembrare stupido  spendere più di 5 parole a come trovare l'acqua, o come direbbe mia madre, per innaffiare le piante, ma l'irrigazione, soprattutto nel caso di giardinaggio in contenitori, è il compito più importante e che più...

Come coltivare le lenticchie nel nostro orto

martedì 26 luglio 2016

Le lenticchie o Lens culinaris, provengono dalla famiglia delle leguminose. Sono una fonte di ferro, proteine ​​e fibre, e per questo si sono adatte per combattere anemia o durante la gravidanza.Ci sono diverse varietà di lenticchie, ma la più...

Scopri il nostro catalogo