Caricando...
Tornare
  • Tuo carrello 0 prodotti
  • Totale prodotti € 0,00
  • Costi di spedizione € 0,00
  • Totale € 0,00
Vai alla sezione

L'orto a gennaio

Gennaio è probabilmente il mese più importante per l'orto, non per la sua frenetica attività, ma perché è il punto di partenza che determinerà il futuro raccolto in primavera e in estate, essendo la preparazione dei semenzai la chiave per ottenere piante quando arriva il buon tempo.

La maggior parte degli ortaggi la cui raccolta è in primavera e in estate, come pomodori, zucchine o melanzane, può essere piantata all'inizio dell'inverno. Questo può aumentare la raccolta, ma richiede anche una certa quantità di cure essenziali e attenzioni imprendiscibili per avere successo.

Approvvigionamento dei semi

Prima di tutto è necessario rivedere di quali semi si dispone, e quando arriva il momento di procurarseli, tramite acquisto o scambio se non li abbiamo ottenuti dalle nostre raccolte precedenti, è necessario sapere chiaramente quali varietà più si adattano alle nostre necessità. Ossia, se iniziamo la semina a gennaio, dobbiamo capire quali varietà meglio si adattano al freddo.


Protezione dei semenzai

Il peggior nemico delle piante in questo mese è il freddo che sfavorisce la germinazione o paralizza la crescita. Per evitare questo problema, bisogna proteggere la semina dalle condizioni meterologiche avverse, ed esistono vari modi per farlo.

Semenzai coperti con una struttura di plastica o vetro che dispongono di un sistema di ventilazione, come una piccola serra, per meglio regolare la temperatura e l'umidità.

Questo sistema è utile per piantare porri, scarole, lattuga, sedano, cavolo e cavolfiere.



I semenzai a letto caldo, richiedono ugualmente una struttura di plastica o vetro che copra la cassa o il contenitore dove abbiamo piantato, però la differenza è che sotto il substrato e il compost dove abbiamo posto i semi dobbiamo aggiungere uno strato di concime fresco: il più utilizzato è quello di cavallo.

Qusto è un buon metodo soprattutto per zone con climi rigidi, perché utilizza il calore prodotto dalla fermentazione di concime per mantenere una temperatura superiore a 10°C.

Questo sistema permette la semina di pomodori, melanzane, zucchine e, in zone più calde, peperoni.

Un altro trucco per fare in modo che le piante sopravvivano al gelo nelle zone più fredde è quello di coprire la terra con la paglia o un altro materiale, soprattutto nel caso di prezzemolo o spinaci.

Al contrario, in una zona calda sarà possibile la semina diretta di alcune coltivazioni, come per esempio aglio, ravanelli, carote, ed il travaso di fragole, bietole, lattughe, scarole, rucola, porri e cavoli.

Anche se l'inizio dell'inverno non è molto duro, dal punto di vista del freddo, non dobbiamo trascurare di proteggere i semi se vogliamo ottenere un buon raccolto nel fututo.

Altri articoli interessanti

Agricoltura biologica: salutare e sostenibile

mercoledì 13 luglio 2016

Oggi tutti i prodotti che portano il nome di "verde" e, pertanto, sono accompagnati dal marchio regionale o europeo del caso, trasmettono una immagine molto buona per i consumatoriQuesta buona immagine che si assume con una certa sicurezza si...

Come coltivare i bulbi

giovedì 4 agosto 2016

Una bulbo è una piante che svolge il suo intero ciclo di vita in unasottoterra. Il bulbo è il modo più semplice per riempire il vostro giardino con il colore e la vita, come lafioritura e la sua crescita è abbastanza rapida...

L'orto a novembre

lunedì 3 novembre 2014

Nel mese di novembre possiamo tirare un respiro. L'orto è in una sorta di letargo e i lavori da fare sono prevalentemente di manutenzione. Possiamo utilizzare questo mese per pianficare la rotazione per organizzare il lavoro, evitare i costi per il...

Senza sole non abbiamo l'orto

venerdì 22 luglio 2016

Il requisito imprescindibile per poter tenere un orto in casa è quello di avere uno spazio con luce diretta sufficiente. Le piante come tutte verdure hanno bisogno di luce solare per la fotosintesi e ottenere l'energia di...

Scopri il nostro catalogo