Caricando...
Tornare
  • Tuo carrello 0 prodotti
  • Totale prodotti € 0,00
  • Costi di spedizione € 0,00
  • Totale € 0,00
Vai alla sezione

L'orto a luglio

L'estate è il periodo in cui la luce e le buone temperature accelerano la crescita delle piante e la produzione dei frutti del nostro orto.

A luglio la produzione dell'orto sta nel suo periodo di picco e conviene stare attenti ad effettuare la raccolta nel momento giusto. Ogni 2 o 3 giorni daremo una ripassata a pomodori, peperoni, fagioli e alle altre piante di cui disponiamo per raccogliere i frutti.


Per un maggior raccolto possiamo realizzare una potatura di pomodori, cetrioli, meloni, angurie, zucchine, melanzane e peperoni.

L'estate è, inoltre, il periodo in cui molte piante terminano il loro ciclo produttivo, come cavolfiori, fagioli, piselli o carciofi e molti altri, come gli spinaci, la lattuga o spinaci tendono a fiorire, cosicché saremo attenti a raccoglierli al primo segno di maturazione. Se abbiamo trascurato, possiamo strapparli e usarli per il composto.


È un mese molto caldo e quello con più ore di luce , per cui se avevamo utilizzato coperture, è bene rivederle per evitare la comparsa di erbacce che finiscono per fare a gara con le piante per l'acqua e ed affinché l'intensa radiazione solare dell'estate non pregiudichi la nostra coltivazione.

Il controllo dell'irrigazione resta una priorità. Conviene irrigare regolarmente come minimo ogni due o tre giorni. Cercheremo di non irrigare durante il giorno con sistemi ad aspersione o qualsiasi altro modo che bagni le piante. Invece, i sistemi a goccia sono utili a temperare la terra e prevenire il surriscaldamento. Troverete maggiori informazioni sull'irrigazione in estate nell'articolo della rivista Orto a giugno.

Cosa seminiamo?

L'inizio dell'estate non è il miglior periodo per seminare in zone calde, è cosa buona aspettare la fine dell'estate. Eppure, se si vuole iniziare a piantare, vi consigliamo di iniziare con la carota, rucola, ravanelli, lattuga, indivia, porri o spinaci.

Inoltre, se viviamo in zone più fredde possiamo anticipare la semina di coltivazioni come cavolfiore, cavoletti di Bruxelles e broccoli.

Cosa raccogliamo? 

Bietola, sedano, melanzane, crescione, zucchine, pastinaca, scarola, ceci, fagioli, finocchi, lattuga, mais, rape, cetrioli, peperoni, porri, ravanelli, barbabietole rosse, pomodori e carote. Se ci troviamo in luoghi freddi e umidi, possiamo raccogliere carciofi, spinaci, piselli o fagioli.


Se abbiamo svolto correttamente tutte le attività dell'orto, possiamo ponerci il problema: cosa faccio ora con tutti questi pomodori, peperoni e fagioli? Potremmo offrirli a famiglia e amici, in questo modo, li incoraggeremo ad intraprendere l'esperienza dell'orto in casa. Un'altra opzione è quella di conservarli per goderne più tardi. È possibile mantenere in conserva i cavoli e le carote, che possono essere conservati come crauti e persino i fagioli teneri e il mais dolce possono essere congelati.



Altri articoli interessanti

Come coltivare la menta

giovedì 29 maggio 2014

La menta è una pianta che ha attirato l'attenzione dell'uomo per secoli: aromatica e medicinale, a livello scientifico, ma afrodisiaca e magica, a livello esoterico. Un buon compagno d'orto...che non dobbiamo perdere di vista!La coltivazione della...

Come coltivare le Bietole nel nostro orto

mercoledì 27 luglio 2016

La Betola (Beta Cycla) della famiglia delle Chenopodiaceae, viene coltivata per le sue foglie, in alcune varietà viene utilizzata per picciolo carnoso e in altre per la foglia intera. La betola è stata un alimento fondamentale nella nostra dieta...

Come coltivare le lenticchie nel nostro orto

martedì 26 luglio 2016

Le lenticchie o Lens culinaris, provengono dalla famiglia delle leguminose. Sono una fonte di ferro, proteine ​​e fibre, e per questo si sono adatte per combattere anemia o durante la gravidanza.Ci sono diverse varietà di lenticchie, ma la più...

Scopri il nostro catalogo