Caricando...

Black Days. Offerte ultime ore

Oggi offerte lampo in Giardino ed esterni

Tornare
  • Tuo carrello 0 prodotti
  • Totale prodotti € 0,00
  • Costi di spedizione € 0,00
  • Totale € 0,00
Vai alla sezione

L'orto a novembre

Nel mese di novembre possiamo tirare un respiro. L'orto è in una sorta di letargo e i lavori da fare sono prevalentemente di manutenzione. Possiamo utilizzare questo mese per pianficare la rotazione per organizzare il lavoro, evitare i costi per il cocime  ed ottenere un raccolto costante.

Tra questi compiti dobbiamo realizzare: la protezione delle coltivazioni dalle possibili gelate e la messa in dimora, il trapianto e la raccolta delle coltivazioni di stagione. Le piante più esposte, come i cavoli, si devono proteggere con qualche materiale di protezione delle coltivazioni  o con paglia o con steli di mais, lo stesso per i carciofi, che possiamo coprire con copertura, sterco o paglia. Se abbiamo recipienti o aiuole senza coltivazioni, è un buon momento per rigenerarli aggiungendo un composto, nel caso di coltivazioni in contenitori, aggiungendo sterco e zappando successivamente le varie zone.

Inoltre, durante questo periodo dell'autunno vediamo che si riduce la frequenza dell'irrigazione, la varietà di coltivazioni da controllare e praticamente scompagliono i problemi associati ai parassiti, visto che freddo e insetti non vanno d'accordo.

Dopo che le coltivazioni estive hanno finito il ciclo, è importante strappare le piante e, con quelle possibili, bisogna riciclarle convertendole in composti.

Protezione dal freddo

La principale preoccupazione per il nostro orto in questo periodo, è che il freddo rovini i semenzai delle coltivazioni future.

Serra

Una soluzione è l'installazione di serre, in cui si può mantenere una temperatura almeno 5ºC  superiore a quella esteriore. Esiste una grande varietà di serre, con differente misure e funzionalità in base al tipo di coltivazione (da suolo, vasi, tavoli da coltivazione, ecc), però in tutti deve essere controllata la ventilazione, soprattutto durante il giorno, quando può esserci caldo.


Per la coltivazione in balconi un'altra opzione può essere quella di mettere pacciame a base di paglia su coltivazioni come porri o carote, affinché oltre che a non essere colpite dal gelo, il terreno sia morbido.

Messa in dimora, trapianto e raccolto

Sfruttando questi giorni prima che inizi il freddo di dicembre, possiamo seminare con successo aglio, spinaci, scarole, fava, lattuga, patate, carote e cipolle. È anche stagione di valeriana, ideale per variare le nostre insalate.

Il raccolto dipenderà da quelle coltivazioni che abbiamo seminato alla fine dell'estate e all'inizio dell'autunno: lattuga, ravanelli, rucola, carote o rape. Appena seccate, è necessario zappare tutte le aree libere, dopo il raccolto.

Buon periodo per coltivare piante aromatiche

Partendo dal presupposto che un orto quanto più è biodiverso, tanto più è ecologico,stabile e  presenta meno problemi, possiamo sfruttare questo periodo per dedicare più tempo alle piante aromatiche.

L'autunno è il miglior periodo per riprodurre specie come la salvia, il rosmarino, la marialuisa o la santolina, o buono per la divisione di cespuglio di timo, santoreggia o melissa.


Questa attività dell'orto può rivelarsi utile per iniziare a pianificare il prossimo ciclo di coltivazioni, programmandoci  quando iniziare con il semenzaio o quando ridisegnare il nostro orto per renderlo più pratico e produttivo.

Infine, l'orto è un lavoro continuo con periodi più o meno impegnativi ma c'è sempre qualcosa da fare se vogliamo che tutto vada bene.









Altri articoli interessanti

L'importanza della concimazione

giovedì 14 luglio 2016

Le piante ottengono dall’aria l’ossigeno, l’ idrogeno, il carbonio, e dal suolo e dall'acqua il loro cibo oltre ed altri elementi. Tuttavia, quando coltiviamo il terreno l’ equilibrio dello stesso si altera, poiché la...

Kleingarten, Gli orti tedeschi

venerdì 25 novembre 2011

Hai sentito parlare alcune volte di “kleingarten”? La sua traduzione letterale è “giardino piccolo” e rappresenta  un movimento che ha più di 200 anni in Germania. Inizialmente nacque come uno spazio che le classi...

L'afide e le formiche, un' associazione fatale

giovedì 14 luglio 2016

Gli afidi sono una delle piaghe più comuni in entrambi orti e giardini con piante ornamentali, per la loro grande capacità di adattamento e diffusione. Esistono diverse specie le piu comuni sono.. L’ afide verde presente in...

Spinaci: una coltura nutritiva

martedì 30 agosto 2011

È interessante coltivare in casa questo ortaggio, appartenente alla famiglia delle Chenopodiaceae (spinaci, barbabietole), perché al di là del falso mito della loro ricchezza di ferro, si tratta di uno degli ortaggi con il più alto contenuto di...

Scopri il nostro catalogo