Caricando...
Vai indietro
  • Tuo carrello 0 prodotti
  • Totale prodotti € 0,00
  • Costi di spedizione € 0,00
  • Totale € 0,00
Vai alla sezione

Piante aromatiche: ododi, colori e altri benefici

La combinazione di ortaggi con altri tipi di piante aromatiche è una pratica che si rivela molto utile per il nostro orto, che vanterà luci, colori e aromi attraenti.

Questo tipo di piante si distinguono per essere rustiche, e facili da coltivare, tanto da poterle introdurle nel nostro orto combinandole negli stessi vasi dove coltiviamo ortaggi e in contenitori in zone particolari. Si dovrebbero considerarse diversi fattori:

- Irrigazione. La maggior parte delle piante aromatiche richiede irrigazione regolare ma non abbondante, il momento di irrigare lo indicherà la terra quando è completamente asciutta. Pertanto, non bisogna plantarle nello stesso luogo in cui sono piantati ortaggi che richiedono un terreno constantemente umido.

- Tipo di ciclo. Le piante che hanno cicli annuali possono essere coltivate con quelle verdure, che si rinnovano ogni stagione. Ma quelle che sono pluriennali, se le mettessimo nello stesso contenitore, una volta che le raccogliamo le altre verdure rimarrano occupando uno spazio che non potrebbe essere utilizzato per piantare altri tipi di ortaggi. In questo caso si pianteranno in un vaso a parte, ma non a distanza considerando che possono attrarre insetti impollinatori, la cui assenza è ben apprezzato negli orti da balconi e terrazze.

- Azione della pianta. Bisoga avere una base di conoscenza di botanica e conoscere le caratteristiche di ogni pianta che abbiamo nel nostro giardino, o informarsi a riguardo. Altrimenti, si rischia di associare ai nostri raccolti piante in grado di respingere alcuni parassiti, ma che a loro volta emettono una serie di sostanze chimiche che inibiscono la crescita di piante vicine.

Ecco alcune delle specie che non devono mancare nel nostro orto per mantenerlo bello e garantire lo stato di salute delle nostre piante e colture.

BASILICO.  È annuale e condivide le stesse indicazioni dettate per  peperoni e pomodori (sole e umidità) può essere associato con entrambi, così da proteggerli contro gli afidi e altri insetti, aumentando anche la  qualità  e la produzionee delle colture.

flores de caléndulaabeja polinizadora posada en la flor de la albahaca


CALENDOLA. Questa pianta annuale, oltre a respingere le mosche bianche e nematodi, è molto decorativa grazie ai suoi petali utilizzati per insalate e i fiori per fare cosmetici. È pertanto auspicabile far spazio nel giardino da condividere con le verdure.

MELISSA. L'essenza di limone riliasciata attira gli insetti impollinatori, ma respinge le zanzare e altri insetti. Tuttavia, non è consigliabile piantarla tra le altre culture perchè è invasiva come le zecche.

PIRETRO. Anche se somiglia alle margherite il suo aroma è penetrante per le grandi dosi di piretrine che hanno i loro fiori, che agiscono come insetticidi naturali. Come le margherite sono coltivate in vasi a parte in zone soleggiate e con annaffiature regolari.

ROSMARINO. È vantaggioso per la grande quantità di impollinatori che attrae, quindi è meglio coltivarlo in vasi (considerando che è pluriennale) intorno all'orto. Meglio se non abbondantemente innaffiato, dal momento che nel terreno umido si formano grandi cespugli, ma con pochi principi attivi.


SALVIA. Ha molte proprietà terapeutiche, respinge le mosche bianche, il lepidoptero del cavolo bianco e le lumache, da energia al rosmarino e al  timo. Tuttavia, meglio non coltivarlo tra colture che generano sostanze inibitrici di crescita e tra verdure che possono formare grandi cespugli  occupando molto spazio.

TIMO. È un efficace repellente del lepidoptero del cavolo
bianco, ma le sue esigue esigenze di acqua rendono conveniente piantarlo in un contenitore separato insieme a rosmarino e salvia.

Ecco alcuni esempi di piante vive che possono essere solo buoni alleati solo per il fatto di essere presenti. Alcune di loro possono provocare effetti benefici con la produzione di estratti, che possono essere rafforzanti o repellenti. Su questo argomento che risulta interessante per coloro che desiderano  sperimentare nel proprio giardino, si tratterà più avanti delle proprietà e delle modalità di preparazione di queste piante aromatiche naturali.





Altri articoli interessanti

La coltivazione del porro

venerdì 1 aprile 2016

Il porro è una pianta della famiglia delle liliáceae, come l'aglio o la cipolla; sono facili da coltivare e poco esigenti. Non occupano molto spazio e si possono raccogliere durante un lungo periodo di tempo.La parte commestibile...

La coltivazione del girasole

giovedì 7 aprile 2016

Il girasole è un seminativo originale in Nord America e in seguito portato in Messico e Perù. In termini generali, é una pianta con gambo destro di circa tre centimetri di spessore e alta circa due metri, le foglie alternative e...

Perchè i pomodori si spaccano?

mercoledì 27 maggio 2015

Quante volte abbiamo visto un pomodoro crepato? Nei supermercati, non certo. Tuttavia, se li coltiviamo in casa, è possibile che nel nostro primo raccolto, fino a che non "apprendiamo i trucchi del mestiere," appaiono queste spaccature. Non è un...

La coltivazione del cavolfiore

lunedì 4 aprile 2016

Il cavolfiore è una pianta della famiglia delle crucifere (o brassiche ), come il cavolo e i broccoli. Rintra nel gruppo delle plante che coltiviamo per il suo fiore, e anche se ci sembra strano, nel tempo si sono andate...

Scopri il nostro catalogo